Influenza, aumenta la diffusione del virus: l’appello per la vaccinazione

Da metà ottobre ad oggi già 767mila i casi in tutta Italia, l'assessore alla salute della Toscana Stefania Saccardi invita i cittadini a vaccinarsi

Inizia a intensificarsi la circolazione del virus dell'influenza. Da metà ottobre ad oggi sono stati 767mila i casi segnalati in tutta Italia, di cui 152mila solo nella settimana passata. A dirlo è il bollettino Influnet, che riporta i dati della sorveglianza della sindrome influenzale coordinata dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss). Dal 25 novembre al primo dicembre, 791 medici sentinella hanno inviato dati sulla frequenza di sindromi influenzali e l'incidenza totale è di 2,52 casi per mille assistiti, ma raddoppia nella fascia di età tra 0 e 4 anni raggiungendo i 5,54 casi per mille.

Nei giorni scorsi l'assessore toscano al diritto alla salute della Toscana Stefania Saccardi si è vaccinata contro l'influenza e rinnova l'appello ai cittadini a fare altrettanto. "Il vaccino è l'unico strumento efficace per proteggersi dall'influenza" ha detto Saccardi invitando in particolare a vaccinarsi gli anziani oltre i 65 anni e le persone appartenenti alle categorie a rischio, per le quali l'influenza può diventare causa di pericolose complicanze e ospedalizzazioni, e anche di morte.

"Per tutte queste persone - ha ricordato - la vaccinazione è gratuita; possono farla dal proprio medico curante o negli ambulatori della Asl. Come già l'anno scorso, offriamo gratuitamente la vaccinazione antinfluenzale anche ai donatori di sangue. Nelle stagioni in cui si è registrato un calo preoccupante di vaccinazioni, c'è stato anche un maggior numero di ricoveri in ospedale e anche di decessi. Invece, quando la copertura vaccinale è stata più alta, le ospedalizzazioni, e anche le morti, sono calate sensibilmente".

Principali destinatari dell'offerta attiva e gratuita della vaccinazione antinfluenzale in Toscana sono infatti le persone dai 65 anni in su, le persone con patologie di base che aumentano il rischio di complicanze in caso di influenza, gli operatori sanitari, i donatori di sangue. Inoltre l'Oms ha recentemente evidenziato l'importanza della vaccinazione antinfluenzale per le donne che all'inizio della stagione epidemica si trovino in gravidanza. Ci si può vaccinare dal proprio medico curante o negli ambulatori della Asl.

Per informazioni: www.regione.toscana.it

 

05/12/2019