Enogastronomia/

Viaggio nella Chocolate Valley Protagonista la Toscana più dolce

In occasione della #GiornataMondialedelCioccolato, vi portiamo a conoscere le migliori realtà della Toscana, da Pistoia fino a Pisa e Prato. Un itinerario tra le botteghe artigianali specializzate nella lavorazione del “cibo degli Dei”

cioccolato

In Toscana il cacao arriva per la prima volta nel Seicento, da allora la produzione di questo cibo prelibato non si è mai arrestata. È nato addirittura un vero e proprio “distretto” in cui si concentrano i più grandi artigiani e maestri cioccolatieri, nonché le botteghe e le aziende più prestigiose: un’area conosciuta come “Chocolate Valley.

La “valle del cioccolato” comprende i territori di Pisa, Pistoia e Prato. Qui nascono prodotti di qualità eccellente, tanto da essere diventati un punto di riferimento a livello internazionale.

Gli amanti dei dolci e in particolare del “cibo degli Dei” possono riscoprire e assaporare gli aromi autentici e i sapori più antichi percorrendo un itinerario che coinvolge questi laboratori del gusto.

Partendo dalla provincia di Pisa, si trovano numerose industrie cioccolatiere di grande fama e valore: la pasticceria Salza nel centro della città e De Castro a Montopoli; a Pontedera ha sede la storica Amedei, vincitrice di numerosi riconoscimenti tra cui l’Oscar del cioccolato nel 2011; spostandoci a Cascine di Buti spicca la torrefazione Trinci.

A Pistoia la tappa obbligatoria è la sede della Slitti e della cioccolateria del maestro Signorini. Ma la bontà prosegue anche sulla montagna pistoiese: Agliana è infatti la base operativa di Roberto Catinari, uno dei primi in Toscana ad aver supportato e lanciato la lavorazione del cioccolato.

Topics:

I più popolari su intoscana