Villa Puccini restaurata: inaugurato il primo piano della dimora

Il piano superiore vista lago torna a risplendere in tutta la sua semplice raffinatezza, con tessuti e arredi originali, così come il maestro ed Elvira Puccini lo progettarono all’inizio del secolo scorso

Nuovi spazi aperti al pubblico nella villa dove Giacomo Puccini, a partire dal 1900, visse per oltre 20 anni a Torre del Lago in provincia di Lucca. 

Dopo il restauro, è stato inaugurato il primo piano della dimora, oggi museo, con vista sul lago di Massaciuccoli. I lavori eseguiti nella villa, che appartiene alla Fondazione Simonetta Puccini per Giacomo Puccini, hanno riguardato dal tetto alle decorazioni murarie e agli arredi. Già visibile da alcuni anni la camera del maestro, aprono ora al pubblico lo studio di Puccini, una camera per gli ospiti, una stanza lavabo, un salottino e la cosiddetta 'stanza airone', ovvero la camera da letto del figlio Antonio che conserva mobili e oggetti provenienti dalla casa natale del compositore a Lucca.

Il piano superiore della dimora vista lago torna, quindi, a risplendere in tutta la sua semplice raffinatezza, con tessuti e arredi originali, così come Giacomo ed Elvira Puccini lo progettarono all’inizio del secolo scorso.

"Aprire il primo piano, entrare nell'intimità del maestro, vedere gli spazi che abitava e che hanno fatto da cornice alla sua musica è una grande opportunità - commenta l'assessore alla cultura del Comune di Viareggio Sandra Mei -. Si amplia così l'offerta culturale di Viareggio e la Villa Puccini entra di diritto nel circuito museale della città".

 

Villa Puccini

Gli interventi di allestimento e ripristino della Villa Museo proseguiranno, al fine di rendere accessibili tutti i vani della dimora, e saranno affiancati dal completamento del Polo Pucciniano che sorgerà nell'edificio confinante con la dimora, un tempo adibito ad albergo ed acquistato da Simonetta Puccini per realizzarvi un archivio, una biblioteca, un auditorium, una sala multifunzionale per mostre, uffici e locali di servizio per il museo e una foresteria con camere per gli ospiti.

 
La data scelta per l’apertura del primo piano della Villa Museo non è casuale, bensì una dedica a Simonetta Puccini, che il 2 giugno 2019 avrebbe compiuto 90 anni. Dopo la sua scomparsa, avvenuta il 16 dicembre 2017, la Fondazione ha portato avanti la gestione dei beni ereditati seguendo le linee guida lasciate da lei, la quale ha sempre perseguito un solo fine: valorizzare il patrimonio ricevuto e i luoghi del cuore di Giacomo Puccini.
 
 

01/06/2019