Enogastronomia/

Vino e burocrazia: da oggi al via la legge che taglia le scartoffie

La Coldiretti toscana rivela come l’eccessiva mole di incartamenti pesino 2,6 mln di ore sul lavoro dei viticoltori regionali

Sempre meno scartoffie (che tanto tempo e denaro fanno perdere) a intralciare il percorso che dalle viti toscane porta il vino su tutte le tavole del mondo. Entra infatti oggi in vigore il regolamento che consentirà di tagliare buon parte della burocrazia nel settore. A rivelarlo è la Coldiretti Toscana, che ricorda come le “scartoffie attualmente pesano 2,6 milioni di ore sulle spalle dei viticoltori della regione delle 58 denominazioni di origine (11 Docg, 41 Doc e 6 Igt). Con l’entrata in vigore del testo unico sul vino si risparmierà il 50% del tempo dedicato alla burocrazia che dal vigneto alla bottiglia rende necessario adempiere a più di 70 pratiche che coinvolgono 20 diversi soggetti che richiedono almeno 100 giornate di lavoro per ogni impresa vitivinicola, per soddisfare le 4 mila pagine di normativa che regolamentano il settore”.

Secondo l’associazione i 2,6 i milioni di ore che i viticoltori toscani, direttamente o indirettamente, destinano a tali adempimenti burocratici costano oltre 19 milioni di euro. Per il presidente di Coldiretti Toscana Tulio Marcelli “è questa una delle notizie attese dagli agricoltori. Da tempo Coldiretti stava conducendo una vertenza per lo snellimento delle procedure, in particolare per la vitivinicoltura. Questa legge è ampiamente condivisa e raccoglie molte nostre proposte che consentono di ridurre gli oneri anche economici a carico delle imprese senza abbassare la soglia di garanzia qualitativa attraverso i controlli”. Il direttore dell’associazione in Toscana Antonio De Concilio osserva che “per le imprese che costituisco il tessuto vitale della vitivinicoltura dei nostri territori, la burocrazia ha un peso specifico enorme nella quotidianità. Questa legge va nella direzione che vogliamo: recuperare ore di lavoro e risorse economiche, da poter reinvestire nel miglioramento di competitività per azienda e prodotto, potenziando azioni di marketing e cogliendo le grandi opportunità offerte dall’internazionalizzazione”.

I più popolari su intoscana