A Firenze "Inferno-mania" per il set del film di Ron Howard

di Elisabetta Vagaggini

Dopo le anticipazioni, le indiscrezioni, i casting, è finalmente al lavoro la troupe del regista americano che nel capoluogo toscano fa rivivere il famoso romanzo di Dan Brown. Nelle vie del centro bagno di folla per Tom Hanks e Felicity Jones

E' stato a lungo atteso, annunciato, desiderato. Se ne parlava già da due anni, quando uno dei più noti romanzieri al mondo, Dan Brown, aveva presentato il suo libro, Inferno, proprio in Palazzo Vecchio a Firenze. Dopo i selfie con il sindaco Nardella, le foto rubate dai paparazzi nei bar del centro e sul ponte Vecchio, finalmente Ron Howard ha iniziato a girare a Firenze, domenica 3 maggio, le prime scene del film Inferno. Il regista premio oscar per il film The Beautiful Mind, dà vita al nuovo capitolo della la saga inziata con Angeli e Demoni e Il Codice da Vinci, continuando a raccontare le mirabolanti e misteriose avventure del professor Robert Langdom, alias Tom Hanks.

Dopo aver girato a Venezia il set si è spostato in centro a Firenze, tra piazza San Firenze e Palazzo Vecchio, dove ieri, domenica 3 maggio, alcuni fortunati tra le centinaia di curiosi e fan accorsi, sono riusciti a farsi una foto con i protagonisti. Nel film, che si è avvalso già dai primi sopralluoghi della collaborazione della Toscana Film Commission, il prof. Langdom si risveglia in un ospedale a Firenze, colpito da una amnesia. Ad aiutarlo nella sua fuga e nella sua ricerca di indizi tra l'antica simbologia medievale delle opere d'arte e architettoniche fiorentine, sarà Sienna Brooks, un medico che, cercando di fargli recuperare i suoi ricordi, farà sì che il professore possa impedire ad un pazzo di commettere un grave danno all'umanità.

E a Firenze impazza già l' "Inferno-mania". Sono più di 3000 le persone reclutate come comparse, 350 le maestranze arruolate per collaborare alle riprese e, come annunciato dal sindaco Nardella su facebook, sono 6000 i prenottamenti prenotati, altre migliaia i pasti consumati nei ristoranti e nei locali fiorentini, e ammonta a 230.000 euro la somma che entrerà nelle casse comunali per l'affitto dei locali, oltre all'occupazione del suolo pubblico e ad altre entrate accessorie. Insomma tra fascino del grande cinema e business, il film Inferno lascerà un profondo segno nella città di Firenze, un po' come avvenne più di dieci anni fa, quando Ridley Scott girò in città il film Hannibal.

Le principali scene del film saranno girate, fino la 14 maggio, alla Galleria degli Uffizi, nel Giardino di Boboli (anche dentro la Grotta del Buontalenti) e in Palazzo Pitti. Inutile dire che per i Fiorentini ci saranno dei disagi, dovuti alla chiusura del traffico, alla mancanza di parcheggi e al gran trambusto causato dall'invasione pacifica di migliaia di persone. Ma se si considera l'enorme promozione che il film farà a Firenze in tutto il mondo, vale la pena di sopportare ancora per una decina di giorni.

04/05/2015

Tom Hanks mentre gira nel Salone dei 500
Tom Hanks mentre gira nel Salone dei 500