Coldiretti contro il Coronavirus: cibo a km0 a chi è in difficoltà

A Firenze e Pistoia iniziative a supporto di Caritas e delle altre associazioni che aiutano i senza fissa dimora

Coldiretti si impegna ad aiutare chi ha più bisogno in questo particolare momento di quaratena a casua del Coronavirus. La rete degli agricoltori di 'Campagna amica' ha attivato e attiverà diverse modalità che mettono insieme la solidarietà diretta delle imprese agricole a quelle dei cittadini, precisa una nota.

A Firenze la rete Coldiretti supporterà Caritas e centri d'ascolto: è partita infatti la consegna di prodotti per i centri cottura e/o per comporre i pacchi famiglia: farro, farina, olio extravergine d'oliva, pasta, verdure di stagione, legumi, formaggio.

A Pistoia è stata effettuata la prima consegna di cibo all'associazione Raggi di Speranza in Stazione, le aziende 'Campagna amica' pistoiesi daranno, alternandosi con altre, prodotti locali da usare per i pasti dei senza fissa dimora e di chi ha bisogno: formaggio, salame, pancetta, verdure cotte, olio, aceto.

"Con il coronavirus il numero delle persona che hanno difficoltà a mettere insieme i pasti è aumentato, per questo abbiamo deciso di attivare la nostra rete - dichiara Simone Ciampoli, direttore di Coldiretti Firenze-Prato e Pistoia-. I produttori agricoli di 'Campagna amica' daranno prodotti alle associazioni che accudiscono le persone in difficoltà".

"Per aiutare a combattere la nuova crisi alimentare anche nel nostro territorio - prosegue Ciampoli-, all'aiuto diretto, abbiamo aggiunto l'iniziativa 'Spesa sospesa del contadino a domicilio' che mutua l'usanza campana del 'caffè sospeso', quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo e che non ha i mezzi per saldare il conto. In questo caso i cittadini che ricevono la spesa a casa attraverso i produttori 'Campagna amica' possono decidere di donare un pacco alimentare alle famiglie più bisognose".

01/04/2020