LA REGIONE TOSCANA È LA 'REGINA' DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO

La Regione Toscana è la 'regina' del turismo enogastronomico

Il turista straniero gourmet è il 'top spender': la Toscana ha il gradimento più alto tra gli stranieri con un livello superiore alla media nazionale

La regione più desiderata come meta enogastronomica dai turisti italiani è la Toscana: è quanto emerge dal “Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2018”, il primo e più completo studio specifico sul tema condotto e coordinato da Roberta Garibaldi professoressa di marketing e di econonomia e gestione delle imprese turistiche all'Università degli Studi di Bergamo. “Un primato – afferma Garibaldi – che la Toscana ha conquistato grazie ad anni di attività e promozione sui temi dell'enogastronomia affermandosi quindi come punto di riferimento non solo in Italia (il 18% degli intervistati indica la Toscana come migliore destinazione per un viaggio o una vacanza enogastronomica) ma anche nel mondo. Gli stranieri infatti indicano sempre l'Italia tra le mete preferite e quando scelgono di nominare una regione citano la Toscana che viene quindi riconosciuta come vero e proprio brand legato al turismo enogastronomico”.

Le ragioni vanno ricercate non solo nella ricchezza dei prodotti locali, delle esperienze e del paesaggio, ma anche nel fatto che la Regione Toscana ha saputo essere antesignana in questo settore, promotrice di tendenze sul turismo enogastronomico. Tra le best practice di evoluzione del turismo enogastronomico che hanno aperto la strada ai diversi trend, Roberta Garibaldi cita Vetrina Toscana “come luogo di comunicazione dell’offerta del cibo locale che spesso è la prima esperienza ricercata dei turisti (il 73%) quando compiono un viaggio”. Sempre dalla ricerca condotta da Roberta Garibaldi, la Toscana risulta essere la regione con il maggior numero di agriturismi e di cantine aperte all’enoturismo.

Altri dati sulla situazione del turismo enogastronomico in Toscana, con particolare riferimento ai turisti stranieri, emergono da uno studio commissionato da Vetrina Toscana e sono frutto dell'elaborazione da parte del Centro Studi Turistici, dei risultati dell'indagine sul turismo realizzata da Banca d'Italia. Per quanto riguarda gli stranieri l'enogastronomia rappresenta in Toscana il 7% circa delle notti posizionandosi al terzo posto come motivazione di viaggio subito dopo l’arte e cultura ed il balneare. Il valore è superiore alla media nazionale (3,4%).

Il turista straniero che visita la Toscana per il lato enogastronomico è il “Top Spender” per la spesa giornaliera (163,90 euro) e per la ristorazione (47,47 euro). La spesa per ristorazione dei turisti stranieri in Toscana supera i mille milioni di euro, attestandosi sul 24% del totale. Dal 2012 è cresciuta di circa sei punti percentuali più della spesa totale. Il turista straniero che punta sull'enogastronomia non è un turista mordi e fuggi, si ferma sul territorio e spende di più. Altro fattore interessante è che puntare su questo tipo di turismo consente di ampliare la stagione turistica, sia in senso temporale che di estensione laddove il turista enogastronomico percorre i sentieri meno battuti alla ricerca di prodotti cantine e ristoranti.

Tra giugno e novembre il numero di pernottamenti mensili dei viaggiatori che hanno nell’enogastronomia la prima o la seconda motivazione di viaggio è superiore alla media, mentre a ottobre si registra la punta massima. Infine, il cibo toscano piace, piace molto. I pasti hanno il gradimento più alto tra gli stranieri che soggiornano in Toscana: 8,7/10. Il giudizio generale sulla vacanza enogastronomica è sopra la media. Una curiosità: il giudizio migliore sui pasti degli stranieri in visita alla regione sono fuori dai grandi centri turistici, in zone di forte tipicità, il che conferma l’importanza della “toscanità” nell'offerta turistica. 

“Questi importanti risultati non ci devono far abbandonare la continua ricerca dell'eccellenza di cui la Regione Toscana è stata da sempre ambasciatrice - ha affermato Stefano Ciuoffo, Assessore al Turismo e Commercio della Regione Toscana  - Anche quest'anno abbiamo portato avanti un lavoro importante di rilancio del progetto Vetrina Toscana attraverso il diretto coinvolgimento degli operatori che hanno condiviso con noi la necessità di arricchire i contenuti di tale marchio con un richiamo al territorio, alla qualità dei prodotti e dei produttori, alla professionalità e competenza degli operatori, alla coniugazione della tradizione con l'innovazione, alla valorizzazione delle capacità artigianali del nostro territorio. Questi saranno i nostri obiettivi per il 2019, insieme al proseguimento del lavoro avviato nel 2018 per integrare gli strumenti di Vetrina Toscana nel progetto di valorizzazione dei Borghi e dei Centri Commerciali Naturali, oltre che con le azioni di promozione turistica portate avanti da Toscana Promozione Turistica e da Fondazione Sistema Toscana."

Per leggere il Primo rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2018 CLICCA QUI

19/12/2018