Grazie a ‘Garanzia Toscana’ in arrivo 38 milioni per le Pmi toscane

Le risorse complessive attuali ammontano a 38 milioni di euro, tre gli strumenti messi in campo dalla Regione Toscana

La Regione cerca di facilitare l’accesso al credito delle Pmi toscane previsti nell’ambito del pacchetto ‘Garanzia Toscana’. Sono misure che rientrano tra quelle del Patto per lo sviluppo, firmato lo scorso luglio tra Regione e parti sociali per favorire gli investimenti delle imprese. Le risorse complessive attuali ammontano a 38 milioni di euro e adesso ci sono tre 'strumenti' per usufrirne.

Il primao strumento è una sezione speciale regionale del Fondo centrale di garanzia per le Pmi e servirà come riassicurazione delle garanzie rilasciate dai Confidi estendendo la copertura del fondo stesso. Oltre 21 i milioni di euro a disposizione.

Il secondo, che vale 10,5 mln di euro, permetterà di rilasciare garanzie alle imprese che non possono accedere al Fondo centrale ma che hanno comunque requisiti di solidità aziendale sufficienti. Infine, con i 6 mln di euro previsti dal terzo, viene costituito un ulteriore fondo per concedere un contributo alle imprese per l'abbattimento dei costi delle operazioni di garanzia riassicurate alla Sezione speciale regionale. 

"Con questi tre strumenti – ha commentato l’assessore alle Attività produttive e credito Stefano Ciuoffo – mettiamo a disposizione 40 dei 60 milioni del pacchetto ‘Garanzia Toscana’. Il sistema del credito per le imprese è fondamentale e come convenuto con il Patto per lo sviluppo con tutte le categorie economiche e sociali regionali la Regione si sta prodigando per permettere al nostro tessuto imprenditoriale di svilupparsi aiutandoli e accompagnandoli".


04/02/2020