Torna 'Disconnect Code' in Sala Vanni con il live di Meuko! Meuko!

La rassegna che porta a Firenze le migliori proposte dell'elettronica di ricerca proseguirà con Varg il 6 marzo, Bill Kouligas il 3 aprile e l'8 maggio gran finale alla Manifattura Tabacchi con Kode9

Torna a Firenze 'Disconnect', la rassegna nata dalla collaborazione fra Musicus Concentus e Disconnect Media e dedicata alla musica, alla sperimentazione e alle nuove tecnologie. 

Disconnect prende il via sabato 8 febbraio in Sala Vanni con il concerto, unica e prima data in Italia, di Meuko! Meuko!, il progetto solista di Pon: artista, performer e producer con base a Taipei. Ogni suo show può contenere sia improvvisazione, sia tracce di nuovi lavori, ma anche un po' di clubbing, e persino delle registrazioni di cerimonie spirituali; il tutto combinato a beat elettronici profondamente ispirati dal punto di vista taiwanese e ancora di più dalle vicine Cina e Giappone. Il concerto vedrà la partecipazione di “Naxs Corp.” ai visual.

Venerdì 6 marzo arriva Jonas Rönnberg in arte 'Varg', uno dei nomi che più ha contribuito a rendere l'elettronica nordeuropea simbolo di avanguardia e di alta qualità. Da sempre abituato a suonare in club e festival, per la prima volta Varg preparerà un set speciale pensato e dedicato esclusivamente alla Sala Vanni. A cavallo tra industrial e ambient, la musica di Varg ha ormai una riconoscibilità più che affermata, il norvegese ha saputo infatti forgiare un suo stile personale, una techno caratterizzata da beat ovattati, e talvolta acid, profondi e calibrati. 

Venerdì 3 aprile nel terzo appuntamento della rassegna il live di Bill Kouligas. Tra le sue più importanti collaborazioni merita di essere menzionata quella con Amnesia Scanner, nome protagonista della scorsa edizione di Disconnect Code. Il progetto, che prende il nome di Lexachast, è al tempo stesso un manifesto audiovisivo, un saggio di performance-art e un supporto vinilico. Cresciuto ad Atene e influenzato dalla sua scena post-punk, hardcore e new-wave, Kouligas risiede da anni a Berlino, dove con l'etichetta PAN documenta la scena elettronica sperimentale. 

La seconda edizione di Disconnect si chiude venerdì 8 maggio in Manifattura Tabacchi con l'imperdibile set di Kode9, uno dei nomi più apprezzati dell'elettronica contemporanea. I suoi primi dj set e i radio show degli anni 2000 hanno favorito la diffusione del sound londinese, di cui è stato – ed è tutt'ora – un simbolo. Originario di Glasgow, ma attivo a Londra, Kode9 fonda nel 2014 la sua etichetta Hyperdub, famosa per aver sguinzagliato alcuni tra i migliori talenti in circolazione, uno su tutti: Burial. In apertura spazio a Herva, giovane produttore e dj fiorentino di origini ivoriane, cresciuto nel vivaio della Bosconi Records, l’etichetta di Fabio Della Torre. Resident a Club Adriatico e Disconnect si è imposto a livello internazionale con uscite per DBA, Delsin, Kontra Records e, soprattutto, con la pubblicazione dell'acclamato album "Kila" per la prestigiosa etichetta inglese Planet Mu.

04/02/2020