IL TOSCANA GOSPEL FESTIVAL COLORA IL NATALE TOSCANO DI MUSICA

Il Toscana Gospel Festival colora il Natale toscano di musica

Dal 15 dicembre 2018 al 1 gennaio 2019 sedici concerti in tutta la regione a ingresso libero con alcuni dei maggiori interpreti americani del Gospel

“La musica può rendere gli uomini liberi” è una frase di Bob Marley quella scelta per celebrare l’edizione numero 23 del Toscana Gospel Festival, forse l’unica superstar emersa da un paese del terzo mondo come la Giamaica. Si vuole così rendere omaggio a quello che la musica Gospel da sempre rappresenta: la voglia di riscatto e di libertà. Il Toscana Gospel Festival si prepara a travolgere ed entusiasmare il pubblico toscano. Un festival entrato nel cuore del pubblico, un caso unico in Europa per longevità, qualità e successo. Quest’anno ci sono ben tre nuovi concerti nel percorso del festival. Alle tradizionali tappe di Firenze, Prato, Siena, Arezzo, Montevarchi, Empoli, Cortona, Sansepolcro, Massa e Cozzile, Calenzano, Monteriggioni, Fucecchio, Marciano della Chiana si sono aggiunte Carrara e Chiusi.

Il programma della rassegna prevede sedici spettacoli in teatri prestigiosi e chiese storiche, dando spazio a gruppi che provengono da varie parti degli USA, dal Nebraska a Washington, dalla Georgia alla Lousiana e naturalmente New York. Tra i gruppi ospiti del Toscana Gospel Festival ci sono alcuni dei maggiori interpreti americani di questo straordinario mondo musicale chiamato Gospel, uomini e donne che fanno del canto e dello spirito la propria missione nel mondo. Un messaggio di pace e serenità, di tolleranza e partecipazione che assume un valore particolare in questo periodo storico così difficile e teso. Il festival, nato quasi per scommessa nel 1996, ha portato in Toscana 2800 artisti per circa 300 esibizioni live.



La Toscana Gospel Festival comincia sabato 15 dicembre alla Chiesa di Maria Santissima Mediatrice di Avenza in provincia di Massa Carrara con il concerto dei The Harlem Voices Featuring Eric B. Turner. Artisticamente, gli Harlem Voices non ne vogliono sapere di essere etichettati sotto un genere preciso ma amano dilatare i confini del genere gospel e creare melodie dinamiche arricchite di armonie che portano l’ascoltatore ad assaggiare colori r’n’b, soul e funky. Amano inoltre muoversi, ballare, creare sul palco coreografie cosicché vederli è un piacere ed ascoltarli una gioia. Tutti i membri degli THV hanno almeno 20 anni di esperienza nel mondo della live music, hanno cantato e suonato nei più prestigiosi gruppi gospel, soul e rock. Una parola in più va spesa per il Pastore e Leader del gruppo Eric B.Turner, da alcuni anni lead singer negli attuali Temptations e Drifters, attore e musicista in diversi musical e serie televisive celeberrime anche nel nostro paese quali: “Law & Order”, “CSI:NY”. Eric si è anche esibito durante il ballo Inaugurale della Presidenza di Barack Obama nel 2009. Ingresso libero. I The Harlem Voices Featuring Eric B. Turner si esibiranno anche martedì 1° gennaio in piazza Roma a Monteriggioni Castello.

Domenica 16 dicembre nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Massa e Cozzile in provincia di Pistoia si esibiranno i Roderick Giles and Grace. Roderick Giles, nato a Washington DC, comincia a studiare musica e canto sotto la guida di Joyce Garrett e comincia a far parte di cori Gospel già da quando era alle scuole medie. Con il suo gruppo Grace, composto da 6 cantanti molto talentuosi, si esibisce in luoghi molto prestigiosi come la Casa Bianca e il Kennedy Center. Nel settembre del 2013 Roderick ed il suo gruppo prendono parte alla cinquantaduesima registrazione della grande cantante gospel Dorothy Norwood. In tutte le loro esibizioni infondono negli ascoltatori un messaggio di pace, amore gioia e speranza e si può percepire la loro devozione e la grande passione per il canto gospel. Ingresso libero. Roderick Giles and Grace saranno in concerto anche martedì 18 dicembre al Cinema La Perla di Empoli, ingresso 8 euro, soci Unicoop 7 euro.

Mercoledì 19 dicembre nella chiesa di San Francesco a Sansepolcro in provincia di Arezzo si esibiranno i Markey Montague & Fellowship. Ananias "Markey" Montague è un seguace di Gesù Cristo e un compositore, regista e insegnante di musica gospel. Attualmente è il ministro di Musica e Belle Arti per la Chiesa Battista di Salem a Omaha, Nebraska di cui è direttore musicale del coro. Originario di Chicago, la vita di Markey è stata modellata dal ricco patrimonio musicale gospel della sua città natale. Dopo anni in tour sia negli USA che in Italia ed Europa, miscela sapientemente musiche tradizionali e gospel contemporaneo. Il suo talento gli ha dato l'opportunità di collaborare con diversi artisti di rilievo del panorama gospel internazionale come Lamar Campbell, Rodnie Bryant, Kim McFarland, Vickie Winans e Richard Smallwood, Kirk Carr, Byron Cage ed il prestigioso Mississippi Mass Choir. Recentemente con il brano “Osannah” ha raggiunto la vetta delle classifiche USA nel circuito Gospel/Spiritual. Ingresso libero. Il concerto sarà ripetuto anche venerdì 21 dicembre nella Chiesa di Santa Maria al pesetello a Montevarci in provincia di Arezzo, sempre a ingresso libero.

Giovedì 20 dicembre al Teatro Mascagni di Chiusi in provincia di Siena canteranno i The Anointed Believers. Originari di Atlanta, nel 2003 un trio di adolescenti, composto da due fratelli e un amico d’infanzia, si è riunito per formare quello che sarebbe stato l’inizio di un energico gruppo guidato dallo spirito chiamato The Young Believers. I “Giovani Credenti” iniziarono ad Atene, in Georgia, con Michael Bolden, Kenneth Bolden e Ren Brown. Nel 2006 si unisce a loro Sharmar Stevens a formare un gruppo tipico Gospel quartet. Dopo aver condiviso il palco con grandi leggende del Gospel come Lee Williams, The Bolton Brothers e The Canton Spirituals il gruppo si espande ed include una sezione ritmica con aggiunta di basso, batteria e tastiera. Le loro esibizioni sono potenti, piene di spirito ed estremamente coinvolgenti, sia grazie alla ritmica incalzante, tipica del gospel contemporaneo, sia grazie alle qualità vocali dei 4 cantanti solisti ben accompagnate dal background vocale dei tre musicisti. Il concerto sarà aperto da Prato Gospel School & Revolution Gospel Band. Ingresso: platea e palchi centrali € 13, ridotto € 11, soci Unicoop Firenze € 10, palchi laterali € 11, ridotto € 10, soci Unicoop Firenze € 9. I The Anointed Believers si esibiranno anche sabato 29 dicembre al Teatro Petrarca di Arezzo.

Venerdì 21 dicembre nella chiesa di San Pietro a Carrara, Avenza canteranno i Duke Fisher Heritage Singers. Nathaniel Fisher è un talentuoso pianista, cantante e direttore di coro di New Orleans che, dopo aver vissuto e lavorato per molti anni nella sua città di origine e a New York, si è trasferito ad Atlanta e ha fondato una corale da cui ha estratto le voci migliori per creare The Heritage Singers. Pur avendo una cultura trasversale che lo ha fatto lavorare nel mondo del Soul, del Pop e del R'n'b e una formazione musicale profonda come pianista classico, è nel gospel che ha espresso maggiormente il suo talento; animato da profonda fede, Nathaniel crede fermamente che la musica e la voce vadano condivise trasmettendo la gioia di vivere e celebrando la gloria del Signore. Il suo concerto, che percorre il gospel dalle sue tradizioni spiritual ai temi più famosi ormai anche nel nostro paese, è un distillato di pura energia e gioia. Ingresso libero. Il concerto sarà ripetuto anche mercoledì 26 dicembre alla Torre di Marciano a Marciano della Chiana. I Duke Fisher Heritage Singers si esibiranno anche venerdì 28 dicembre al Teatro Manzoni di Calenzano.

Giovedì 27 dicembre sarà il turno di Dennis Reed & Gap che si esibiranno al Teatro Signorelli di Cortona. Sempre il 27 dicembre Nate Bown & One Voice saranno in concerto al Nuovo Teatro Pacini di Fucecchio.

Domenica 30 dicembre al Teatro Cantiere Florida di Firenze ci sarà il Pastor Ron Gospel Show. Lo spettacolo vede come protagonista l'esilarante Pastor Ronald Hubbard, una delle figure più carismatiche nel panorama gospel internazionale. Accanto al Pastore sul palco sei artisti (cantanti e band), voci potenti e vellutate in pieno stile black. Due ore di musica in cui si inseriscono elementi di umorismo che trascinano lo spettatore in un vortice di sano divertimento. Pastor Ron è conosciuto come “Triple Man”, perché è in grado di cantare, ballare e recitare, ma anche perché è ispirato dalla più forte “Trinità”. Ron è convinto che si possa divulgare la Parola di Gesù Cristo, indifferentemente attraverso produzioni discografiche, palcoscenico o sermone. La sua personalità è straripante, il suo umorismo è esplosivo e contagioso. I suoi studi presso la Interlochen Music Academy e il Cleveland Institute of Music si riflettono nella sua persistenza nell'eccellenza, sia come solista che in gruppo. Ingresso € 15,00, ridotto € 13,00, soci Unicoop Firenze € 12,00. Riduzioni: minori di 18, maggiori di 65 anni, oltre a riduzioni soci Unicoop Firenze. Il Pastor Ron Gospel Show sarà anche martedì 1° gennaio al Teatro dei Rozzi di Siena.

Infine, sempre martedì 1° gennaio al Teatro Metastasio di Prato il Toscana Gospel Festival si chiuderà con lo show degli Uni.Sound. Il concetto sarà aperto da Gospel Fire Choir e Little Big Gospel Choir di Prato.

Per informazioni:
https://www.toscanagospelfestival.net/
tel.0575 27961
info@toscanagospelfestival.net

 

10/12/2018