Musica che unisce i popoli: a Prato torna Mediterraneo Downtown

Dal 5 al 7 aprile ospiti internazionali, mostre fotografiche, talk show, libri, cinema e musica con Nada e Bobo Rondelli

Torna a Prato 'Mediterraneo Downtown', il primo festival italiano sul mediterraneo contemporaneo, promosso da COSPE onlus, Comune di Prato e Regione Toscana in collaborazione con Libera, Amnesty International e Legambiente Italia. Continua a Prato il dialogo tra le due sponde del Mediterraneo grazie a incontri ed eventi che porteranno nella città toscana artisti, intellettuali, economisti, imprenditori, musicisti e scrittori.

Il Premio Mediterraneo di Pace: realizzato dall’artista Giuliano Tamaino è stato assegnato quest'anno a Sihem Bensedrine, della Commissione Verità e Giustizia della Tunisia, che ha il compito di raccogliere le testimonianze delle vittime delle torture e della corruzione dello stato tunisino tra il 1955 ed il 2011. Giornalista ed attivista per i diritti umani, da molti anni si batte per i diritti civili nel suo paese. Nel 1998 ha fondato il Consiglio Nazionale per la Libertà in Tunisia (CNLT), di cui è portavoce. Nel 2001 ha fondato l’OLPEC per la tutela della libertà di stampa. Per le sue posizioni apertamente critiche nei confronti del governo tunisino è stata soggetta a numerose azioni di polizia e giudiziarie, nonché a diversi atti diffamatori. 

Saranno il grande scrittore marocchino, Tahar Ben Jelloun e il pratese Sandro Veronesi, ad aprire il Festival venerdì pomeriggio al Teatro Metastasio durante il Med Carpet. Intervistati da Raffaele Palumbo i due autori si confronteranno su temi “mediterranei” che appartengono tanto al loro vissuto e ai loro libri quanto all’attualità: razzismo, migrazioni, terrorismo, attivismo, ma anche società e resistenza civile, poesia e bellezza. Lo faranno con lo sguardo di chi sa leggere il mondo oltre la cronaca, regalandoci un incontro non solo letterario.

Ci sarà anche tanta musica a Mediterraneo Downtown. Venerdì 5 aprile al teatro Metastasio si terrà il concerto di Nada e Angela Baraldi. Sabato 6 aprile alla mensa dei poveri Giorgio La Pira ci sarà la cena concerto benefica con Bobo Rondelli e le pietanze dell'Associazione Cuochi di Prato. Domenica 6 aprile alle 6.30 nel chiostro di San Domenico 'Tanitsufi' il suggestivo concerto all'alba polistrumentista tunisino Marzouk Mejri e del trombettista californiano Charles Ferris.

Domenica 7 aprile
alle 11 al Centro Pecci per l'Arte Contemporanea Giuseppe Cederna sarà sul palco con 'Da questa parte del Mare' estratto del monologo omonimo con musiche di Gianmaria Testa, un viaggio sull’acqua dalle rive del Gange alle isole del Mediterraneo. Dalle lacrime di Odisseo alle barche dei migranti in fuga dalla guerra. Avventure, naufragi, derive e illuminazioni. Il miracolo delle storie e degli incontri.

Tornano inoltre le città raccontate (Tunisi, Matera, Prato, Barcellona) con quattro personaggi che parleranno delle loro città del cuore, i laboratori per bambini e i talk show sull’attualità.

Per informazioni:
https://mediterraneodowntown.it

 

25/03/2019