In Toscana il fisioterapista di comunità: 1a esperienza in Italia

La sperimentazione prenderà il via nell'Asl Toscana centro che comprende Firenze, Prato e Pistoia

Dopo l'infermiere di famiglia arriva anche il fisioterapista di comunità. Succede nell'Asl Toscana centro (che comprende Firenze, Prato e Pistoia), ed è, in assoluto, si spiega, "la prima ed unica esperienza del genere a livello nazionale rivolta principalmente ai malati cronici e con patologie neurodegenerative".

I fisioterapisti di comunità arriveranno a partire da gennaio per primi nei territori dell'area fiorentina e di Prato, integrandosi alle Aft - aggregazioni funzionali territoriali dei medici di famiglia - e operativi nelle Case della Salute: il progetto, dopo una fase sperimentale di 24 mesi, potrà essere esteso progressivamente a tutti i territori dell'Azienda.

Dalla prevenzione delle cadute alla promozione di corretti stili di vita e sostegno alla partecipazione alla vita sociale, all'individuazione di percorsi riabilitativi appropriati, fino agli interventi sull'ambiente domestico o proposte di ausili per l'autonomia, i fisioterapisti, si spiega, collaboreranno con i medici di famiglia soprattutto per evitare che nei pazienti si instaurino quadri patologici conclamati o riacutizzazioni di sindromi esistenti.

"Dopo l'infermiere di famiglia ora sul territorio avremo anche la presenza strutturata del fisioterapista, prevista da una specifica delibera regionale - ha commentato l'assessore regionale al diritto alla salute, Stefania Saccardi - potenziando così ulteriormente le cure primarie. Il fisioterapista al domicilio del paziente affianca gli altri professionisti negli interventi di supporto alle condizioni di cronicità e disabilità, offrendo soprattutto sostegno alle persone anziane e collaborando con i medici di famiglia. Anche per l'attivazione di questo innovativo progetto la Toscana si distingue in una proposta innovativa che sicuramente andrà a migliorare le condizioni dei pazienti".

12/08/2019