Immigrazione: nasce l'Osservatorio toscano con Regione, Anci e Irpet

L'obiettivo sarà quello di approfondire e studiare l'impatto dei migranti sul territorio e il loro ruolo anche nel mercato del lavoro

Nasce un osservatorio sull'immigrazione, con in prima fila Anci Toscana, Regione e Irpet. È questa la novità annunciata al workshop su 'Immigrazione, impresa, lavoro, scenari di una Toscana in trasformazione', al Teatro della Compagnia, a Firenze.

L'osservatorio, ha spiegato il direttore di Anci Toscana Simone Gheri, "servirà a capire, approfondire, studiare quello che è l'impatto delle persone che vengono da altri paesi e lavorano in Toscana".
Gheri ha sottolineato che l'obiettivo è trasformare "la percezione di paura, rifiuto, facendo vedere che queste persone vengono nel nostro paese per cercare di lavorare e migliorare il proprio futuro. Bisogna far sì che le istituzioni e il sistema imprenditoriale garantiscano a tutti gli stessi diritti".

"Contiamo - ha detto l'assessore regionale alle politiche dell'immigrazione Vittorio Bugli - di far uscire il primo rapporto sull'immigrazione entro la fine dell'anno". Bugli ha sottolineato la collaborazione con Irpet per approfondire il tema del "lavoro degli stranieri in Italia". Inoltre "abbiamo chiesto alle categorie economiche di venire a dirci quelle che sono le necessità" in modo da avere "un quadro della realtà".

"Spesso - ha osservato il vice direttore di Irpet Nicola Sciclone - utilizziamo un termine, straniero e immigrato, senza sapere che questo termine racchiude categorie molto diverse. Dallo straniero residente, regolare, agli stranieri che si trovano nelle strutture e nei centri di accoglienza. Poi ci sono i cosiddetti clandestini. L'idea è di tracciare un quadro del peso di queste diverse" categorie "perché ciascuna di loro ha caratteristiche diverse".

 

17/06/2019