A Scandicci nasce 'S.O.S ragazzi' per aiutare i minori in difficoltà

La campagna di crowdfunding, ideata da La Melagrana APS si pone l’obiettivo di formare una struttura in grado di accogliere minori in difficoltà e aiutarli a mantenere la propria rete sociale, educativa e affettiva

Un centro per aiutare giovani con difficoltà familiari e scolastiche in uno spazio che possa aiutarli a crescere in un ambiente armonioso e spensierato per creare opportunità di aggregazione: è questo l’obiettivo di S.O.S. RAGAZZI, progetto di crowdfunding ideato da La Melagrana APS che prevede la creazione di un centro semiresidenziale a Scandicci per accogliere adolescenti in difficoltà che hanno bisogno di un punto di riferimento per mantenere la propria rete sociale, educativa e affettiva. La raccolta fondi ha preso il via sulla piattaforma di crowdfunding Eppela (www.eppela.com/sosragazzi). Il progetto è realizzato all’interno dell’iniziativa Firenze Crowd, percorso di accompagnamento al crowdfunding sostenuto da Fondazione CR Firenze e da Fondazione il Cuore si Scioglie, in collaborazione con la cooperativa Feel Crowd e la piattaforma di crowdfunding Eppela.

Progetto SOS Ragazzi
Progetto SOS Ragazzi


La campagna ha come obiettivo economico 20.000€ e al raggiungimento del 50% del budget Fondazione CR Firenze e Fondazione Il Cuore si scioglie raddoppieranno la cifra raccolta. I fondi raccolti grazie al crowdfunding serviranno per allestire il centro, per finanziare educatori ed esperti che seguiranno i ragazzi e per l’acquisto dei materiali utili alle attività educative.

I ragazzi che verranno accolti nella comunità semiresidenziale “Michele Magone” saranno un massimo di 18 minori al giorno di età compresa tra i 6 e i 14 anni, segnalati dall’associazione stessa oppure anche dai servizi sociali del territorio e saranno seguiti dal al pranzo ai compiti pomeridiani fino ad attività ricreative dalle ore 13 fino alle 20.

Quest’idea nasce come risposta ad un’esigenza del territorio per il quale la tutela dell’infanzia e dell’adolescenza ha sempre rappresentato una delle priorità nelle politiche sociali e in sinergia con l’attività dei salesiani di Scandicci che da sempre si propongono di realizzare attività di prevenzione e di supporto alle famiglie.

Ha dichiarato Yuna Kashi Zadeh, presidente Melagrana APS: “Un’equipe di educatori metterà a disposizione tempo e professionalità per individuare quel “punto accessibile al bene” che è, e resterà l’orizzonte de la Melagrana APS, Un gruppo di volontari attivi, pronti a condividere, con passione, le varie sfide che si presenteranno. Una comunità “educativa” che accompagna, come una famiglia, in questo lungo e meraviglioso cammino. Tutto con un obiettivo ben preciso: la Relazione. Con noi stessi, con gli altri e col mondo. Solo così quella corda non solo vibrerà, ma potrà iniziare a suonare”.

La Melagrana APS di Scandicci ha finalità di solidarietà sociale a sostegno di persone svantaggiate. Adoperano perché si sviluppi la solidarietà tra individui, soprattutto per e tra i giovani, tenendo presente la dimensione fondamentale della famiglia e la dignità di ciascuno in quanto persona. Promuovono progetti ed interventi di sostegno indirizzati alle nuove frontiere della povertà dei giovani, del disagio minorile, a sostegno delle famiglie in difficoltà e per l’integrazione delle persone diversamente abili. Lo scopo è formare, istruire, sostenere in modo concreto e diversificato ed anche economicamente persone e famiglie con disagio per combattere le situazioni di solitudine, di emarginazione e di ignoranza, contribuendo nel proprio piccolo alla crescita di una società attenta al vero bene delle persone.

20/11/2019