Tramvia, Tav e nuove tariffe per i bus: come cambia la mobilità

di Giulia Rafanelli

Si è aperta a Firenza la giornata dedicata al trasporto in Toscana. Durante i tavoli toccati alcuni dei temi cruciali per il territorio

Il nodo ferroviario fiorentino, l’entrata in esercizio della Linea 3 della tramvia, la tariffa unica per il trasporto pubblico su gomma che entrerà in vigore il prossimo 1 luglio. Tre temi cruciali per la mobilità regionale e che sono stati al centro della prima parte del convegno organizzato dalla Regione Toscana al teatro La Compagnia di Firenze. 
Infrastrutture e mobilità - il piano regionale integrato: dal dire al fare”, questo il titolo del convegno che ha riunito istituzioni, tecnici e rappresentanti delle aziende regionali di trasporto pubblico intorno a dei tavoli per scattare una fotografia sullo stato del trasporto pubblico nella nostra regione.

Ad aprire i lavoro, l'assessore regionale, Vincenzo Ceccarelli, che durante il suo intervento ha toccato anche il delicato tema del nodo di Firenze ribadendo la volontà di procedere con la realizzazione del sotto-attraversamento per creare le condizioni di separare definitivamente i flussi . Il punto - ha aggiunto - non è se fare quanto già programmato, autorizzato e finanziato ma dare soluzione ad un problema che non è locale ma nazionale dato che si tratta di superare quello che oggi è il vero e proprio collo di bottiglia del sistema ferroviario italiano”. 

Dal ferro alla gomma. L’entrata in vigore, il prossimo 1 luglio, della comunità tariffaria regionale è stato argomento, anch’esso, toccato dall’assessore Ceccarelli nel suo intervento. Una sorta di rivoluzione che introdurrà importanti novità e che mira ad un trasporto pubblico più efficiente adeguando le tariffe agli standard nazionali. A beneficio degli utilizzatori, la Regione ha previsto di prezzi agevolati per chi ha un reddito Isee inferiore a 36mila euro e la possibilità, prevista dal bonus trasporto pubblico, di detrarre il costo dell’abbonamento per il 19%.
Ma ascoltino direttamente l’assessore Ceccarelli:

Tramvia. Quando si parla di mobilità non si può non toccare il tema dello sviluppo del sistema tranviario fiorentino. Tramvia rappresentata al convegno dall’Ad di Gest e dall’assessore alla Mobilità del Comune di Firenze, Stefano Giorgetti, a lui il compito di sciogliere il nodo sull’entrata in esercizio della linea 3: “Noi siamo pronti - ha detti - attendiamo l’ok del ministero”. Se il 30 giugno non dovesse essere la data dell’inaugurazione si tratterà comunque si attendere poco più di una settimana, allora si potrà anche saperne di più sulla rivoluzione delle linee ataf che Firenze attende.

L’attenzione verso lo sviluppo infrastrutturale della Regione e gli investimenti in tecnologia a servizio del trasporto pubblico, trovano ragione d’essere non solo nella volontà di garantire servizi efficienti e veloci per chi scegle i mezzi pubblici per i propri spostamenti ma anche per imput che questi investimenti posso dare all’occupazione e e all’economia del territorio che è quanto emerso dai dati Irpet che parlano di un impatto stimato sull’occupazione di circa 78 mila unità lavoro dipendenti e 55 mila unità di lavoro autonome, corrispondente ad una media annua di circa 10.000 unità di lavoro.

 

26/06/2018