VALDARNO, NUOVA MOBILITÀ GRAZIE ALLA METROPOLITANA DI SUPERFICIE

di Chiara Bianchini
Valdarno, nuova mobilità grazie alla metropolitana di superficie

Spostarsi in bus per il Valdarno non è stato mai così facile, da aprile 2019 saranno attivi collegamenti ogni 30' tra i comuni del territorio

Il Valdarno si prepara a rivoluzionare il trasporto pubblico con il progetto MIV – Mobilità in Valdarno che permetterà di collegare tutti i dieci comuni come se fossero un’unica aerea urbana di 100mila abitanti con autobus ogni mezz’ora e corse anche la domenica.

Questo nuovo servizio partirà nel mese di aprile del prossimo anno e getta le basi sull’esperienza della “Circolare del Valdarno”, introdotta nel 2014, aumentando la frequenza dei bus, prolungando l’orario del servizio con una fascia oraria unica dalle 7 alle 20 e portando numerose migliorie tecnologiche come le paline intelligenti, il sistema AVM e il WIFI a bordo degli autobus.

MIV è frutto di una forte collaborazione tra le amministrazioni e tra pubblico e privato per semplificare la mobilità dei cittadini decongestionare il traffico privato e migliorare la qualità dell'aria in una zona densamente urbanizzata e ricca di attività produttive. Questo servizio non sostituisce il trasporto pubblico già attivo, ma va ad aggiungersi ai servizi scolastici e extraurbani già in funzione.

Il progetto nasce da un accordo sottoscritto nel 2016 dalla Regione Toscana con la Provincia di Arezzo e i Comuni di Cavriglia (capofila), Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Terranuova, Loro Ciuffenna, Castelfranco, Piandiscò, Bucine, Pergine e Laterina e sarà realizzato grazie a risorse regionali pari a 240.000 euro, ai quali si sono aggiunti negli anni contributi da parte dei Comuni: 50.000 euro nel 2016, 90.000 nel 2017, 90.000 nel 2018 e 160.000 nel 2019.

Queste le principali novità:

- fascia oraria unica dalle 7 alle 20 nel fondovalle e dalle 6 alle 20 in collina, al posto delle attuali fasce orarie spezzate (9/12 - 15/20 nel fondovalle e 7/8 - 13/15 in collina);

- maggiore frequenza dei collegamenti: 1 bus ogni ora in collina, 1 bus ogni 30 minuti nel fondovalle;

- servizio domenicale nel fondovalle per l'ospedale di Santa Maria alla Gruccia e la stazione ferroviaria di Montevarchi;

- riqualificazione delle fermate con l'installazione di 17 pensiline ex novo, la sostituzione di 38 vecchie strutture e il ripristino di altre 40.

- nuove tariffe integrate fondovalle e collina in fase di studio;

- possibilità di bigliettazione a bordo;

- piano di comunicazione unico relativo all'intero progetto, con grafica e colori facilmente identificabili per i materiali informativi, la mappa delle linee, ecc, in modo da semplificare l'individuazione del servizio e la comprensione delle informazioni.

 

10/12/2018