Valeria Vedovatti, la giovanissima influencer da YouTube alle librerie

di Ilaria Giannini

A Internet Festival centinaia di ragazzine sono venute a incontrare il loro idolo, che le ha conquistate con un messaggio semplice: "Nessuno è perfetto, andiamo bene tutti così come siamo”

Se è vero che il coraggio uno non se lo può dare né farselo iniettare da qualcun altro, per lo meno il conforto è un bene che può ancora essere scambiato tra esseri umani. È proprio questo il sentimento che sembra pervadere la folla di centinaia di ragazzine (e qualche ragazzino) preadolescenti venuti oggi a Internet Festival a incontrare il loro idolo: Valeria Vedovatti.
Valeria ha sedici anni, è una delle più giovani influencer in Italia e adesso ha pubblicato anche un romanzo, in parte autobiografico, uscito per Rizzoli e intitolato “Come stai?”.

La ragazza ha 421mila iscritti sul suo canale YouTube e 519mila follower su Instagram, ma lei li chiama amici, perché “abbiamo un bellissimo rapporto, io gli racconto tutto, gli chiedo consigli e loro li chiedono a me”. Il calore con cui la accolgono al cinema Lumiere di Pisa pieno fino all’orlo – decine i giovani accompagnati dai genitori rimasti fuori – sembra confermare questa realtà difficile da comprendere per chiunque non sia un membro della Generazione Z, i nati dal 1995 in poi che sono cresciuti a pane e social network.

“Ti vogliamo bene!” urla una ragazza dalla platea e un’altra le fa eco “Sei bella così come sei!”. Ieri a Firenze in 1.500 sono venuti alla presentazione del suo libro e a Milano è riuscita a riempiere Piazza Duomo.
Il successo per Valeria è arrivato l’anno scorso, quand’era appena quindicenne, grazie ai suoi video, caricati prima ancora che sul tubo su TikTok, la piattaforma frequentata dai giovanissimi dove le clip sono brevissime, di massimo 60 secondi, e spesso immortalano gli adolescenti che cantano in playback e si esibiscono in performance di danza o in scenette demenziali.

Valeria il suo boom lo spiega così: “Penso di non avere niente più degli altri, non sono una star, semplicemente condivido la mia vita così com’è.” Un atteggiamento che sembra semplice, ma in una Rete dominata sempre di più da un’estetica immacolata forse è una piccola rivoluzione.
“Faccio vedere tutti i lati di me - racconta Valeria – mi mostro non truccata o pettinata perché spesso sul Web si vedono immagini perfette e questo fa abbassare l’autostima delle persone. Voglio far capire che nessuno è perfetto e andiamo bene tutti così come siamo.”
Forse basta questo per raccogliere fan in tutta Italia, forse è solo questo quello di cui le dodicenni o le tredicenni di oggi, sempre con lo smartphone in mano, hanno bisogno: un'amica un po' più grande, anche se virtuale, che dica loro che sono belle e speciali così come sono, che non devono cambiare e che alla fine andrà tutto bene.

13/10/2019