'Facciamo gli uomini', calciatori contro la violenza sulle donne

Incontro al Centro Tecnico Federale di Coverciano a Firenze, per sensibilizzare su una tematica purtroppo attuale. ALbertini: 'Dobbiamo diffondere messaggi positivi'

Il calcio contro la violenza sulle donne. E' un messaggio chiaro quello lanciato  ieri dal mondo del pallone a Coverciano, nel corso del convegno 'Facciamo gli uomini', campagna promossa dall'Assocalciatori.

''E' un dovere morale per noi calciatori e uomini di sport accendere l'attenzione su certe tematiche -ha sottolineato il presidente del Settore Tecnico della Figc Demetrio Albertini - Dobbiamo diffondere messaggi positivi con il nostro esempio''.

Albertini ha aperto la giornata nell'Aula Magna di Coverciano, davanti ad una platea composta quasi esclusivamente da uomini, i quasi 60 calciatori 'senza contratto' in ritiro in questi giorni nel centro federale. A seguire poi tanti interventi, testimonianze di chi per professione o persino nella propria famiglia ha conosciuto certe tragedie e si sta battendo per evitare che si ripetano. Il tutto all'interno di un'iniziativa che ha per madrina l'attrice Elena Sofia Ricci e realizzata col contributo del consiglio dei ministri e del dipartimento delle pari opportunità e il patrocinio di Figc, Lega A, B, Pro e Dilettanti, Aia e Aiac AIA e AIAC.

Tra gli intervenuti il presidente Assocalciatori Damiano Tommasi, la signora Concetta Raccuia, madre di Sara Di Pietrantonio strangolata e bruciata nel novembre 2016 a Roma dall'ex fidanzato, la guardia giurata Vincenzo Paduano, il commissario capo della squadra mobile di Eoma Maurizia Quattrone, il legale della famiglia Di Pientrantonio Stefania Iasonna, lo psicologo Rossano Bisceglia del Centro Ascolto uomini maltrattanti; la giornalista Rai Sabrina Carrera, Fabio Appetiti coordinatore del progetto '#facciamogliuomini' e la vicepresidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio Donatella Conzatti: ''È proprio sugli uomini che si indirizzano tutti i nostri interventi, soprattutto a livello di prevenzione. Una donna su tre nella vita ha subito violenza. La commissione femminicidio sta lavorando su un progetto basato sul concetto delle 3 P, Prevenzione, Protezione e Punizione''.

Ha concluso Albertini: ''Il fatto che Coverciano abbia ospitato una manifestazione del genere mi rende orgoglioso e conferma quanto la Federazione sia vicina a certe tematiche''

24/07/2019