A Pisa la robotica indossabile incontra la neuroriabilitazione

A ottobre la città ospiterà due conferenze di rilevanza mondiale a cui parteciperanno 500 esperti del settore

La neuroriabilitazione e la robotica indossabile si incotrano a Pisa in autunno: dal 16 al 20 ottobre la città toscana ospita due conferenze congiunte di rilevanza internazionale su questi temi che approdano per la prima volta in Italia.
Si tratta di International conference on neurorehabilitation (Icnr2018) giunta alla 5/a edizione e di International symposium on wearable robotics' (WeRob), alla 3/a edizione, in programma al Palazzo dei Congressi.

Le due conferenze internazionali vedranno la partecipazione di oltre 500 esperti tra scienziati, accademici e rappresentanti del mondo industriale con 380 abstract presentati, il 20% in più rispetto alle edizioni precedenti, per un evento che, spiega una nota, si annuncia come un'occasione importante per conoscere i recenti sviluppi di due frontiere di ricerca destinate a cambiare la società dei prossimi anni.

Neuroriabilitazione e robotica indossabile offrono soluzioni innovative alle tecnologie del futuro: dall'applicazione pediatrica dei robot alla robotica indossabile, dalla neuroriabilitazione computazionale alle interfacce uomo-macchina per l'ausilio di persone con disabilità motoria.
Tra i relatori dei due appuntamenti di ottobre Maria Chiara Carrozza, docente dell'istituto di biorobotica della Sant'Anna di Pisa e direttore scientifico della Fondazione Don Gnocchi, Michael Goldfarb, docente della Vanderbilt University, Katja Mombaur, professoressa della Heidelberg University, Marcia O' Malley della Rice University, Marco Santello, professore dell'Arizona State University, Stephen Scott, docente del Queen's University ed Herman van der Kooij, professore dell'Università di Twente.

03/07/2018