BANDA ULTRALARGA ALL'ELBA: L'ISOLA SPERIMENTA LA RETE OPEN FIBER

Banda ultralarga all'Elba: l'isola sperimenta la rete Open Fiber

Partono da Rio Marina i lavori che porteranno la fibra ottica a cittadini e imprese: 7 milioni di euro l'investimento grazie a un accordo tra Ministero per lo sviluppo economico e Regione Toscana

Al via i lavori per la banda ultralarga all'Elba. Partendo dal Comune di Rio, da oggi anche i piccoli centri dell'isola accelerano con la rete di Open Fiber, che porterà la fibra ottica direttamente nelle case dei cittadini, nelle aziende e nelle sedi della pubblica amministrazione. L'investimento complessivo previsto è di oltre 7 milioni di euro in due tranche. La prima per un importo di circa 3,7 milioni prevede anche il cablaggio di 16.500 abitazioni. Oltre al municipio di Rio Marina i comuni coinvolti nella prima fase di lavori sono Capoliveri, Porto Azzurro, Marciana e Marciana Marina.

Il progetto si è reso possibile grazie alla convenzione firmata tra il Ministero per lo sviluppo economico, la Regione Toscana, i comuni interessati e Infratel Italia che ha permesso l'emissione da parte di Infratel del primo e del secondo bando di gara per la costruzione e la gestione di una rete a banda ultra larga nelle cosiddette "aree bianche" o "a fallimento di mercato", zone meno densamente popolate o difficili da raggiungere (come nel caso dell'Elba) dove costruire un'infrastruttura è più complesso e non redditizio per le aziende (dato che il numero di connessioni alla rete non sarebbe sufficiente a coprire i costi).

L'azienda poserà complessivamente sull'isola 217 chilometri di fibra ottica in modalità FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa) per garantire il massimo delle prestazioni. Con questa tecnologia la fibra arriverà direttamente nelle case degli utenti evitando l'utilizzo del rame e consentendo di supportare una velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo.

10/10/2018