Dal Sant’Anna arriva APO, il robot zainetto per chi ha difficoltà motorie

Il sistema indossabile sviluppato dall’Istituto di Biorobotica sarà presto sul mercato con un prototipo che aiuta le persone nelle attività quotidiane

Aiutare le persone con difficoltà motorie a compiere le azioni della vita quotidiana. È questo l’obiettivo di APO, il sistema motorizzato realizzato dalla Scuola Sant’Anna di Pisa che presto arriverà con un prototipo sul mercato. APO è un tutore robotizzato per assistere la flesso-estensione dell’anca, sviluppata nel progetto coordinato da Nicola Vitiello, associato di bioingegneria industriale all’Istituto di BioRobotica, e ceduta in licenza all’azienda spin off IUVO, sorta nel 2015 grazie a un team dell’Istituto di BioRobotica e guidata proprio da Nicola Vitiello.

APO aiuta aiuta persone che incontrano lievi difficoltà a camminare, come possono essere gli anziani fragili o coloro che hanno subito l’amputazione di un arto, nel recuperare una maggiore mobilità e quindi ad assicurarsi una migliore qualità della vita. Il dispositivo è pensato per essere leggero, facile da indossare, intuitivo e in grado di “cooperare” con le capacità motorie della persona che lo indossa, aiutandola nella camminata. È totalmente portabile, grazie al fatto che l’elettronica di controllo e le batterie di alimentazione sono integrate in uno zainetto. 

Oggi APO è ancora un prototipo, che IUVO ha messo a disposizione di università e di centri di ricerca come piattaforma di studio. Tuttavia, il team IUVO è al lavoro per trasformare l’attuale sistema in un prodotto, che, negli auspici dei ricercatori, potrebbe raggiungere il mercato nell’immediato futuro.

19/09/2015