L'economia strizza l'occhio al web 120 aziende in rete con Dora China

Una piattaforma online per sostenere e promuovere la commercializzazione dei prodotti del capoluogo toscano in Cina

Promuoversi sui mercati esteri e in particolar modo su quello cinese, uno dei più attenti alle dinamiche della commercializzazione online: è questo l'obiettivo di circa 120 aziende fiorentine che sono pronte a sbarcare nell'est del mondo con il sostegno della piattaforma Dora China Channel Management, messa a punto da una società di marketing con sedi a Firenze e Shanghai, in collaborazione con una società di trading diritto cinese che dispone di tutte le licenze per l'importazione e la vendita dei prodotti. 

"Si tratta di aziende medio-piccole - ha spiegato Roberto Mandola, cofondatore di Dora China - che hanno un fatturato dai 2 ai 50 milioni di euro. Molte di queste avevano provato un percorso di internazionalizzazione classico, rivolgendosi a professionisti che però studiavano percorsi a tavolino dall'Italia, e si sono ritrovati con difficoltà all'interno della Cina".

Secondo i fondatori di Dora China, il punto di forza della piattaforma è l'alta marginalità sulle vendite rispetto ai competitor che realizzano un percorso tradizionale di esportazione del prodotto, grazie alla società di trading di diritto cinese, oltre alla capacità di posizionamento diretto della brand identity delle aziende italiane.

Così si punterà sulla rete e sulle sue opportunità per acchiappare i compratori stranieri: il web in Cina rappresenta infatti una grande risorsa per gli affari. Quella cinese infatti è la popolazione più presente online, si conta il 45.8% di penetrazione su internet, pari a 618 milioni di persone. Cifre che sono destinate a crescere con una stima di circa 10 milioni di utenti al mese. 

Potrebbero interessarti anche:

"Team China", guida per le imprese Firenze strizza l'occhio all'Est

 Le imprese toscane hi-tech volano in Cina con il Polo di Navacchio

Toscana sempre più vicina alla Cina

03/04/2015