PISA, LA LETTERATURA AI TEMPI DI INTERNET (E DELLE STAR DEL WEB)

C'è anche la giovanissima YouTube Elisa Maino tra gli ospiti di Internet Festival 2018.

Da Alessandro Baricco che presenterà il suo libro 'The Game' fino alla giovanissima Youtuber Elisa Maino, tutto il programma culturale di Internet Festival a Pisa

Non manca il focus sulla letteratura al prossimo Internet Festival di Pisa (11-14 ottobre) dove c'è attesa anche per la presentazione di "The Game", l’atteso libro di Alessandro Baricco (11 ottobre, Teatro Verdi). Ideale seguito del saggio I Barbari, The Game è il racconto di un viaggio in Silicon Valley alla ricerca di un punto di osservazione privilegiato per comprendere “il Grande Gioco del futuro”. Ad affiancare Baricco sul palco di Pisa, Gregorio Botta.

Venerdì 12,alle Logge dei Banchi, doppio appuntamento invece dedicato al bullismo. Un fenomeno nato negli ambienti scolastici, ma sempre più diffuso in altri settori nella società. I primi ad affrontare il tema sono il giornalista Simone Cosimi e lo psicoterapeuta Alberto Rossetti, autori di Cyberbullismo, indagine puntuale sugli atti di bullismo in cui protagonisti sono gli strumenti digitali e i contenuti che su di essi rimbalzano, in una sovrapposizione tragica tra realtà e finzione (ore 16); a seguire Ezio Alessio Gensini, Leonardo Santoli, Anna Vaccarelli e Sara Simona Racalbuto presentano Pugni chiusi. Bullismo: punti di vista, non-storie, impressioni, significati, con i contributi di artisti, blogger, giuristi e accademici (ore 17).

Il progresso dell'Intelligenza Artificiale è al centro dell’incontro con Alessandro Vitale, imprenditore ed esperto di AI: quali sono i limiti di uno strumento così potente e i rischi che comporta? (ore 18). Al rapporto letteratura e neuroscienze è dedicato il panel Intelligenze “biologiche”, quindi letterarie, con Alberto Casadei, Paolo Gervasi e Michele Cometa, in programma al Centro Le Benedettine (ore 9.30-11).


Sabato 13, sempre alle Logge dei Banchi,apertura affidata a Intermundia Genesis: tra letteratura e videogiochi di Giorgio Catania, techno thriller fantasy che mescola narrativa classica e immaginario videoludico (ore 10); Giuseppe Imbrognocon il suo Il perturbanteci guida nella vita di un data analyst che trascorre il suo tempo a raccogliere e interpretare dati di sconosciuti, fino all’incontro con un personaggio che lo porterà a mescolare ruoli e certezze (ore 11).   

Fenomenologia dei social network. Presenza, relazioni e consumi mediali degli italiani online è il titolo dell’ultimo lavoro di Giovanni Boccia Artieri: cosa spinge ogni giorno milioni di persone a utilizzare i social network e a considerarli uno spazio scontato della propria vita quotidiana? Perché molti temi del recente dibattito pubblico ruotano attorno alla vita online e al suo rapporto con quella offline? Questi alcuni dei quesiti a cui il volume si propone di dare una risposta (ore 12). AEleonora Priori, Alberto Manconiil compito di presentare Datacrazia, antologia a cura di Daniele Gambetta sui rischi e le potenzialità delle nuove tecnologie (ore 16).


Decisamente di segno diverso le presentazioni di Dieci cose che avevo dimenticato di Lucrezia Sarnari, storia dedicata ai luoghi in cui il tempo ha il valore di una volta e dove conoscersi ed essere felici è possibile (ore 17); e Bassa risoluzione di Massimo Mantellini, un saggio di cultura digitale dove la bassa risoluzione del titolo è una scelta collettiva per provare a riconnettersi con ciò che di più umano può caratterizzare l’approccio alla tecnologia: ovvero la necessità e il buon senso (ore 18).
Domenica 14 spazio ai nativi digitali con Silvia Vecchini e Antonio “Sualzo” Vincenti, autori di Telefonata con il pesce, una storia fra albo e fumetto con protagonista la vita interiore dei bambini e il loro modo di usare intelligenza e immaginazione per crescere (ore 10); e Chiara Cini, che in Super Gracconta la storia di Giorgio, un bimbo di dieci anni appassionato di giochi elettronici e con un unico amico fidato, il suo avatar. Un disagio che solo l’entrata in scena di uno youtuber famoso risolverà (ore 11).
Molto atteso l’incontro con Gabriele Del Grande e il suo Dawla:l’ascesa e la caduta dello Stato islamico raccontata attraverso il viaggio di un reporter italiano partito dal Kurdistan iracheno e terminato in un carcere in Turchia (ore 12); mentre Simone Arcagni, nel suo L’occhio della macchina, fa il punto sui nuovi paradigmi della visione raccogliendo i contributi di neuroscienziati e ingegneri informatici (ore 16). Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi, senza spegnere il cervelloè il nuovo, prezioso lavoro di Vera Ghenoe Bruno Mastroianni, un invito a curare il modo in cui si vive e si parla in rete, perché essere iperconnessi è una condizione complessa che occorre imparare a gestire (ore 17); un tema che torna anche nell’incontro con Ernesto Aloia, autore di La vita riflessa, romanzo sulle relazioni e sul mistero dell'identità (ore 18).
Sempre domenica 14 due appuntamenti da non perdere.

Sul palco del Teatro Verdi­ arrivano: Elisa Maino, muser con oltre 3 milioni di fan e più di un milione di follower su Instagram, a Pisa per presentare il suo primo romando, #Ops, a poche settimane dal lancio del docufilm di cui è protagonista (ore 11); e Martina Dall’Ombra,alias Federica Cacciola, la pariolina tuttologa aspirante influencer politica, un personaggio nato per caso e diventato un successo. Federica a Pisa presenta Fake una storia vera (ore 15). Alle Logge dei Banchi tornail corner Booktuber, dove si potrà videorecensire un libro legato alle tematiche di #IF2018.

27/09/2018