LA TOSCANA PUNTA SUL TURISMO
EXPO, FRANCIGENA E GRANDI EVENTI

La Toscana punta sul turismo <br> Expo, Francigena e grandi eventi

Oggi la Regione ha presentato i punti chiave della promozione turistica del territorio per il 2015

L’offerta turistica in occasione di Expo 2015, la Via Francigena e i grandi eventi culturali: sono questi i tre punti chiave intorno a cui si articolerà la promozione turistica della Toscana per il 2015, come è stato spiegato oggi in Regione nel corso di un incontro con gli operatori pubblici e privati del settori. E proprio stamani è stato siglata l'intesa tra Regione e Sharing Tuscany, l'associazione temporanea d'impresa con capofila Convention Bureau di Firenze, che avrà il compito della commercializzazione di itinerari e offerta turistica in occasione di Expo.

A Toscana Promozione andrà il compito di gestire un sistema di prodotti turistici innovativi, a partire da Luxury Wine Resort al turismo slow, da promuovere sia in rapporto ai segnali di rilancio del mercato nazionale che alla centralità dei mercati internazionali più strategici: BRIC, Est Europa, Germania e Nord Europa, USA, Canada, Corea del Sud e Turchia. Con un investimento complessivo di 2 milioni e 700mila euro.

"Un percorso avviato da tempo per condividere le linee utili ad una revisione del sistema della promozione turistica - ha sottolineato l'assessore regionale al turismo Sara Nocentini – nell'ottobre scorso abbiamo presentato anche il nuovo modello di governo della promozione turistica; puntiamo a creare in particolare un più forte raccordo tra le destinazioni turistiche di eccellenza della Toscana e il livello regionale rappresentato dai sistemi di imprese turistiche, Regione, ANCI, Toscana Promozione e Fondazione Sistema Toscana".

Il sistema dell'organizzazione pubblica del turismo in questi ultimi anni si è profondamente trasformato.Ridimensionato il ruolo delle Province, la Regione si interfaccia sempre di più con le destinazioni turistiche, in particolare con i Comuni che, tra l'altro, grazie all'imposta di soggiorno, vengono a disporre di ingenti risorse che possono essere progressivamente destinabili ad attività di comunicazione e promozione della rispettiva offerta turistica. Sarà la creazione di un vero e proprio sistema delle eccellenze turistiche della Toscana a rappresentare il cuore di questa governance: una sorta di comunità dei prodotti turistici, interattiva e pronta a interpretare le dinamiche di una domanda turistica internazionale sempre più esigente e mutevole.

16/12/2014