Alla scoperta di Capalbio in treno e bici con la mobilità intermodale

Grazie all'accordo tra Regione Toscana, Trenitalia e Toscana Promozione i turisti potranno 'vivere' Capalbio in modo slow e sostenibile

Capalbio è pronta ad accogliere anche i passeggeri del Frecciarossa offrendo la possibilità, a breve, di scendere dal treno e salire in sella a una bicicletta elettrica a pedalata assistita. Questo grazie a un progetto di mobilità intermodale avviato grazie alla collaborazione con l'Associazione mista Mobilità intermodale sostenibile per la tutela dell'ambiente. Inoltre, nei prossimi giorni, grazie al gruppo Green Arrow Capital, il Comune metterà a disposizione di residenti e turisti 30 bici elettriche con un servizio di bike sharing.

"Si tratta di un passo avanti importante verso l'obiettivo che da sempre questa amministrazione si è posta, ovvero promuovere un turismo sostenibile, basato sul rispetto del territorio e la tutela della salute delle persone", dice Giuseppe Ranieri, vicesindaco e assessore alle Politiche ambientali. L'arrivo del Frecciarossa e l'inserimento del nuovo collegamento da Milano, mai registrato prima, è in linea con quanto negli ultimi mesi l'amministrazione si era prefissata.

"Avevamo fatto richiesta per aumentare le fermate nella nostra stazione, soprattutto al mattino, per permettere appunto ai visitatori di poter godere anche di una sola giornata alla scoperta del nostro territorio - spiega il sindaco Settimio Bianciardi - e questo oggi è possibile grazie alla collaborazione con Trenitalia, Ferrovie dello Stato, Regione e Toscana Promozione.
L'arrivo poi di un convoglio da Milano è particolarmente importante perché il nostro territorio non aveva mai goduto di un collegamento diretto dal capoluogo lombardo. Dall'evento Capalbio 2020 - 2024 abbiamo avviato un percorso per fare del nostro comune una meta di turismo sostenibile e crediamo che questo progetto possa essere uno degli elementi che ci contraddistinguono in questo senso". 

18/06/2020