A SIENA PROGETTI INNOVATIVI (DA TUTTO IL MONDO) PER CITTÀ SOSTENIBILI

Sustainable City and Sustainable Development

Al Santa Chiara Lab prende il via la conferenza internazionale sullo sviluppo sostenibile. Premio a Stuart Kauffman, biochimico dell'Università della Pennsylvania

Lo sviluppo sostenibile delle città e la ricerca di soluzioni per i problemi ambientali, energetici, urbanistici delle città contemporanee: a questi temi è dedicata la conferenza internazionale "Sustainable City and Sustainable Development" che inizia oggi (4 settembre) al Santa Chiara Lab e che proseguirà fino a giovedì 6 settembre.

Studiosi da tutto il mondo s'incontreranno a Siena per presentare i propri progetti innovativi sul futuro delle città, parlando di difesa del patrimonio culturale, transizione verso le energie rinnovabili, lotta all'inquinamento dell'aria, dell'acqua e del suolo, mobilità sostenibile, paesaggio urbano ma anche agricoltura e aree naturali protette.

Momento centrale della conferenza, organizzata dall'Università di Siena in collaborazione con il Wessex Institute of Technology, sarà la consegna della Medaglia Prigogine, conferita ogni anno ad uno studioso che ha condotto ricerche importanti del campo dei sistemi ecologici e biologici, e dei processi che si allontanano dall'equilibrio e dalla sostenibilità. Il premio sarà assegnato domani, 5 settembre, nell'aula magna del Rettorato (ore 11) a Stuart Kauffman, professore di biochimica all'Università della Pennsylvania, medico, studioso di biologia teorica e di sistemi complessi. A seguire, il professor Kauffman terrà una lezione magistrale dal titolo "A World Beyond Physics: The Emergence and Evolution of Life".

Istituita nel 2004 e assegnata nel 2005 al professor Enzo Tiezzi dell'Università di Siena, la medaglia è conferita in memoria di Ilya Prigogine, premio Nobel per la Chimica nel 1977, lo scienziato considerato il padre degli studi sui sistemi biologici ed ecologici. A siena, il fondatore degli studi su chimica, fisica e ambiente è stato il professor Enzo Tiezzi, che ha lasciato un'importante eredità di studio e ricerca: il gruppo di ecodinamica, da lui fondato e guidato oggi dalla professoressa Nadia Marchettini e dal professor Simone Bastianoni, è un'equipe di ricercatori del dipartimento di Scienze fisiche, della terra e dell'ambiente, che ha l'obiettivo di promuovere soluzioni per uno sviluppo duraturo e sostenibile, con progetti di didattica e ricerca scientifica. Due di questi progetti saranno presentati durante la conferenza internazionale: "Maestrale", dedicato alla transizione alle energie rinnovabili, e "Citizen", dedicato all'efficienza energetica.

Il programma completo della conferenza è sul sito web dell'Ateneo: www.unisi.it

04/09/2018