Cambiamenti climatici e salute: la Sant'Anna lancia il nuovo corso

All'università d'eccellenza pisana arriva il corso in Medicina climatica e ambientale, uno dei primi di questo genere in Italia

La Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa affronta il tema dei cambiamenti climatici da un punto di vista originale e lancia il corso universitario di Medicina climatica e ambientale. Si tratta di uno dei primi percorsi formativi di questo genere in Italia e si rivolge a tutti gli allievi ordinari della scuola.

È un corso di interesse interclasse che prevede 20 ore di lezione durante le quali Vincenzo Lionetti, docente di Anestesiologia e Terapia Intensiva, analizzerà l'impatto del clima e dell'ambiente sulla salute dell'uomo e in prospettiva sulle generazioni future, utilizzando la lente dell'epigenetica ovvero lo studio dei meccanismi molecolari mediante i quali l'ambiente che ci circonda condiziona l'espressione dei geni senza tuttavia modificare l'informazione contenuta, ossia senza modificare le sequenze di Dna.

"I cambiamenti climatici e la crescente esposizione a pericolosi contaminanti ambientali - sottolinea Lionetti - ci stanno rendendo più vulnerabili ai fattori di rischio di malattia, a batteri e virus e allo stress, come quello dopo un intervento chirurgico". Il corso descrive le emergenti cause di malattia e morte dovute ad agenti climatici o ambientali non trascurando di affrontare gli aspetti legati ai limiti regolatori ed etici di questa emergente branca della medicina.

Il corso ha dunque come obiettivo quello di descrivere le emergenti cause di malattia e morte dovute ad agenti climatici (come ad esempio il riscaldamento globale) o ambientali (come ad esempio inquinamento da particelle ultrasottili, microplastiche, metalli pesanti, etc) non trascurando di affrontare gli aspetti legati ai limiti regolatori ed etici di questa emergente branca della medicina.

16/10/2019