PARCO AGRICOLO DELLA PIANA: VIA AI FINANZIAMENTI REGIONALI

pianta parco archeologico della piana

La Giunta regionale ha stanziato sei milioni di euro. Coinvolte due province, Firenze e Prato, e otto comuni

Soggetti destinatari dei contributi regionali sono le due Province di Firenze e Prato e gli otto Comuni coinvolti nel progetto del Parco agricolo della Piana (Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Firenze, Poggio a Caiano, Prato, Sesto Fiorentino, Signa).

I progetti ammissibili alla richiesta di contributo da parte della Regione devono prevedere interventi quali il recupero delle trame agrarie storiche riqualificando i percorsi interpoderali, la valorizzazione delle aree agricole attraverso la multifunzionalità, il miglioramento della rete ecologica nella Piana ripristinandone i corridoi ecologici, la rigenerazione e valorizzazione del sistema delle acque per funzioni idrauliche, naturalistiche, agricole e di fruizione, la messa in rete del patrimonio storico-culturale della Piana anche attraverso il potenziamento della mobilità alternativa, la realizzazione e valorizzazione di opere di connessione tra le diverse parti del parco, la valorizzazione di strutture finalizzate all’ informazione, alla divulgazione e alla didattica del Parco e la riqualificazione dei margini urbani degli insediamenti che vi si affacciano.

Le proposte di intervento, che potranno essere presentate anche da più amministrazioni (in tale caso dovrà essere specificata quella capofila che sarà responsabile del procedimento) saranno valutate da una apposita commissione interna alla Regione. Alle domande dovranno essere allegati una serie di documenti tra cui una relazione illustrativa, gli elaborati progettuali e una delibera di approvazione della proposta da parte dell’ente con l’impegno, tra l’altro, a sostenere la quota dei costi non coperti dalla percentuale di finanziamento regionale e a rispettare i tempi per l’inizio lavori e la completa realizzazione degli interventi.

Il contributo regionale potrà essere modulato tra il 50% e il 60% delle spese ammissibili. La quota restante, a carico del soggetto beneficiario, potrà derivare anche da finanziamenti europei, nazionali o privati. Il beneficiario può infatti attivare, compatibilmente con le normative vigenti, tutte le linee finanziarie possibili. Per l’attuazione degli interventi oggetto di finanziamento regionale è previsto un accordo di programma tra la Regione e i soggetti beneficiari.

I criteri di valutazione degli interventi si riferiranno alla qualità dell’intervento, alla coerenza con le previsioni regionali e con gli stumenti urbanistici, alla fattibilità economica e gestionale, alla qualità metodologica e procedurale, nonché all’intensità di aiuto richiesto.

Le domande vanno indirizzate alla Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e della Mobilità della Regione Toscana, A.C. Pianificazione Territoriale e Paesaggio, Settore Pianificazione del Territorio, via di Novoli 26 – 50127 Firenze. Programma di finanziamento per l’ attuazione degli interventi relativi al Parco Agricolo della Piana.

Altre informazioni nella sezione “territorio” del sito della Regione Toscana: www.regione.toscana.it/territorio

17/01/2012