GLI STUDENTI LICEALI DI COLLE VAL D'ELSA HANNO SCOPERTO UNA STELLA DOPPIA

Stella doppia

La stella scoperta presso l'Osservatorio Astronomico dell'Università di Siena adesso si chiama 'LiceoVoltaColle_V1'

Prima era conosciuta col numero di catalogo GSC 1849-1030, adesso si chiama "LiceoVoltaColle_V1" la nuova stella doppia scoperta all'Osservatorio Astronomico dell'Università di Siena da un gruppo di studenti del Liceo "Alessandro Volta" di Colle Val d'Elsa che partecipano ad un progetto di orientamento e alternanza scuola-lavoro a carattere astrofisico.

Mentre studiavano la rotazione di un asteroide, gli studenti hanno osservato una stella, finora conosciuta come stella singola, che si è invece rivelato un  sistema di due stelle. Nessun telescopio al mondo è in grado di poter distinguere le due stelle, troppo vicine tra loro e troppo lontane dalla Terra. Ma l'analisi condotta dai liceali, seguiti nelle loro attività dal direttore dell'Osservatorio universitario Alessandro Marchini e dai collaboratori Riccardo Papini e Fabio Salvaggio, ha mostrato una variazione luminosa riconducibile esclusivamente ad un sistema binario: due astri vicinissimi e con temperature simili che orbitano una attorno all'altra in 12 ore e 41 minuti. La nuova stella doppia così caratterizzata è stata quindi inserita e validata nel VSX (Variable Star indeX), il database internazionale delle stelle variabili.

Gli studenti del Liceo di Colle Val d’Elsa che hanno partecipato alla scoperta sono: Caterina Aiazzi, Vittorio Barlucchi, Samuele Beconcini, Samuele Boschini, Clelia Carboncini, Rebecca Di Fazio, Gianluca Gerace, Bianca Gozzi, Elisa Guerrera, Laura Hataj, Laila Mourabi, Adele Nannetti, Marie Sophie Pansegrau, Vittorio Parenti, Arianna Porretti, Mariù Soldani, Giulia Tanzini, Caterina Vignolo.

L'Osservatorio universitario che opera presso il dipartimento di Scienze fisiche, della Terra e dell'ambiente dell’Università di Siena è impegnato in numerose  iniziative di orientamento e di divulgazione dell'Astronomia, anche in collaborazione con le scuole del territorio, e coinvolge gli studenti anche in autentiche attività di ricerca scientifica.

20/12/2016