Leopoldine: a Montepulciano il secondo incontro del percorso

di Barbara Mottola

Dopo l'incontro del 18 gennaio a Cortona, si prepara il secondo appuntamento per partecipare alla definizione del progetto di riqualificazione delle antiche fattorie della Valdichiana.

Torniamo a parlare delle Leopoldine, il sistema di poderi edificati tra il ‘700 e l’800 e disseminati nella Val di Chiana che rappresentano un patrimonio identitario, storico e architettonico per tutta la Toscana. Il 18 gennaio scorso al Centro Convegni Sant’Agostino di Cortona, si è svolto il primo incontro del percorso di partecipazione previsto per il progetto di tutela di queste antiche fattorie. Un percorso che non è ancora arrivato alla fine.

Sono infatti previsti altri due incontri, aperti a tutti, per portare la propria proposta per contribuire al progetto di riqualificazione che la Regione e i dieci Comuni chianini stanno elaborando, nell'ambito del Piano di Indirizzo Territoriale (PIT), per far tornare le Leopoldine agli antichi fasti e lanciarle verso nuovi sviluppi. Il prossimo appuntamento sarà a breve: alle 16.30 del 22 febbraio a Montepulciano, nella sala del Capitano. Il terzo e ultimo, invece, si terrà a Monte San Savino il 4 Marzo.

Si tratta, a livello regionale, della prima esperienza di progettazione paesaggistica integrata da contributi partecipativi: la necessità di un confronto aperto tra amministrazioni, soggetti economici e cittadini è molto sentita a tutti i livelli. Quindi, a differenza di quanto inizialmente previsto, i prossimi due incontri non si svolgeranno a Cortona, ma si muoveranno su tutto il territorio interessato proprio per favorire la più ampia partecipazione possibile. Infatti, l’area coinvolta è molto vasta e il progetto è ambizioso: come ha spiegato l’Assessore Regionale per il governo del territorio, Vincenzo Ceccarelli: 'Stiamo andando a recuperare e valorizzare un patrimonio storico, culturale e insediativo importantissimo per la Val di Chiana e per tutta la Toscana'.

Del resto, come è stato dimostrato nel corso del primo incontro a Cortona, sono molti i soggetti pronti a dare il loro contributo: il 18 gennaio si è svolto un dialogo molto proficuo.
Nel video un nostro resoconto dell'appuntamento.

Sono stati più di una ventina i contributi partecipativi, tra cittadini, professionisti del settore, sindaci, guide turistiche e ambientali, per condividere idee, riflessioni, criticità e bisogni. E non potendo intervenire di persona ai tavoli, come ci ricorda l'avvocato De santis, è possibile inviare la propria proposta tramite il form pubblicato sulla pagina web del Garante dell'informazione e della partecipazione di Regione Toscana: online dal 14 gennaio, rimarrà disponibile fino al 14 marzo per continuare, anche al di là degli incontri, il dialogo che lega a doppio filo amministrazioni e cittadini. Visti i risultati del primo, l’attesa di partecipazione per il prossimo incontro è alta. La certezza è rimanere incantati dalla bellezza delle Leopoldine tanto da volerle vedere rinascere.

08/02/2019