Il Battistero di Firenze torna alla luce dopo il lungo restauro

I lavori di smontaggio dei ponteggi sono quasi terminati e il 24 ottobre il monumento sarà completamente liberato

Dopo un anno e mezzo di lavori sta per tornare alla luce il Battistero di Firenze, che per la gioia dei turisti e dei fiorentini sarà completamente liberato dai ponteggi per sabato prossimo, il 24 ottobre - quando la fine del restauro sarà presentata ufficialmente - e già in questi giorni è di nuovo quasi del tutto visibile. Alla cerimonia saranno presenti, tra gli altri, il cardinale Giuseppe Betori, la soprintendente alle Belle arti Alessandra Marino, il sindaco Dario Nardella.

Il restauro, iniziato a febbraio 2014, dopo 70 anni dall'ultimo intervento, ha interessato tutto il rivestimento marmoreo delle otto facciate esterne, delle falde di copertura e della lanterna del Battistero. E' stato particolarmente complesso perché le otto facciate presentavano stati di conservazione diversa, sia per le caratteristiche dei materiali che per le differenti esposizioni agli agenti atmosferici.

Il Battistero ripulito e libero dai ponteggi
Il Battistero ripulito e libero dai ponteggi

A supporto sono stati effettuati anche rilievi laser, studi iconografici e storici e campagne diagnostiche. Il costo dell'intervento è stato di circa 2 milioni di euro, finanziati dall'Opera del Duomo e, in parte, da risorse raccolte grazie alla campagna di crowdfunding intrapresa dall'Opera stessa a cui hanno risposto migliaia di cittadini per iniziativa di Unicoop Firenze, Maison Pucci e singoli donatori.

[Photo Credits: Federico Di Vita]

 

19/10/2015