Innovazione/

Sant’Anna: arriva il maggiordomo robot che aiuta gli anziani

Il progetto di ricerca Ramcip, che vede come capofila italiana ll’ateneo d’eccellenza pisano, è stato finanziato dall’Ue con 4 milioni di euro

E se in futuro fossero i robot ad occuparsi degli anziani? In un paese che invecchia sempre di più come l’Italia arriva proprio dalla Scuola Sant’Anna di Pisa un’idea per fornire un’assistenza domiciliare a genitori e nonni non più giovani. Si chiama Ramcip il progetto di ricerca per sviluppare un nuovo tipo di robot, in grado di occuparsi in modo discreto e sicuro degli anziani, affetti da quello che viene definito “deterioramento cognitivo lieve”, così da migliorarne la qualità della vita e aumentarne il livello di autonomia.

Ramcip (acronimo di “Robotic Assistant for MCI Patients at home”) è stato finanziato per tre anni dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 con 4 milioni di euro, di cui 330mila sono stati attribuiti all’Italia, rappresentata dalla Sant’Anna.

I robot domestici aiuteranno non solo nella preparazione del cibo o nella cura della casa, ma assisteranno gli anziani a mantenere atteggiamenti positivi e a tenere in esercizio le proprie abilità cognitive e fisiche. Per la comunicazione tra uomo e robot saranno adottate interfacce che permettano un’interazione più empatica – che non si limiti al solo al “premere un tasto” – e facciano visualizzare i comandi secondo le tecniche di realtà aumentata, quindi in maniera più coinvolgente.

“L’invecchiamento è associato al declino fisico e cognitivo – spiegano il ricercatore Emanuele Ruffaldi della Scuola Superiore Sant’Anna e il coordinatore del progetto, lo scienziato greco Dimitrios Tzovaras – poiché altera il modo in cui una persona si muove negli ambienti domestici, manipola gli oggetti e percepisce l’ambiente casalingo. La robotica assistiva può giocare un ruolo fondamentale nel miglioramento complessivo della qualità di vita delle persone anziane aiutandole a vivere più a lungo e in maniera autonoma”.

sfoglia la gallery


I più popolari su intoscana