Anno record per i musei italiani: volano Uffizi e Accademia

di Ilaria Giannini

La Toscana è la terza regione per numero di visitatori e la Galleria degli Uffizi è il terzo luogo della cultura più visitato in Italia. Visitatori in aumento grazie alle aperture gratuite

Nell’anno d’oro dei musei italiani, che si è chiuso con 43 milioni di visitatori – 2 milioni e mezzo in più rispetto al 2014 – e 155 milioni di euro di incasso per i luoghi della cultura (+14%), anche la Toscana porta a casa un risultato notevole.
La nostra regione è al terzo posto in Italia, dopo il Lazio e la Campania, per biglietti staccati e introiti:
nel 2015 nei musei toscani sono entrate 6 milioni e 738mila persone, tra turisti e cittadini, con un aumento del 3%, per un totale di 29 milioni e 890mila euro di introiti (+19%).

Tra i dieci luoghi della cultura più visitati tre sono a Firenze: al terzo posto dopo il Colosseo e Pompei troviamo gli Uffizi, che sfiorano i 2 milioni di visitatori, con 35mila ingressi in più in un anno (+2%), seguiti al quarto posto dalla Galleria dell’Accademia con 1 milione e 415mila visitatori, in aumento del 6%, mentre in sesta posizione troviamo il circuito di Boboli e del Museo degli Argenti, con 863mila ingressi (+5%). Nella top 20 entrano anche la Galleria Palatina di Firenze, al 12imo posto, e le Cappelle Medicee al 17imo. 

La Sala di Raffaello agli Uffizi con la Madonna del Cardellino
La Sala di Raffaello agli Uffizi con la Madonna del Cardellino

“Per la storia del nostro Paese è il miglior risultato di sempre, un record assoluto - ha sottolineato il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini – grazie anche alle nuove politiche di valorizzazione, prime fra tutte le domeniche gratuite, gli italiani sono tornati a vivere i propri musei. Un riavvicinamento al patrimonio culturale che educa, arricchisce e rende consapevoli i cittadini della magnifica storia dei propri territori”.

Infatti l’aumento degli ingressi è dovuto in buona parte alle aperture gratis che si sono tenute ogni prima domenica del mese per tutto l’anno: in tutto sono stati 900mila ad approfittare delle porte aperte nei musei e nelle aree archeologiche statali.

13/01/2016