Cultura/

Arte: nasce la Fondazione Pistoia Musei gestirà quattro diverse sedi

Il nuovo sistema museale promosso da Fondazione Caript riunirà l’Antico Palazzo dei Vescovi, Palazzo De’ Rossi, la chiesa di San Salvatore e Palazzo Buontalenti

Quattro diverse sedi situate nel cuore del centro storico danno vita al nuovo sistema museale Fondazione Pistoia Musei, promosso da Fondazione Caript e gestito dalla sua società strumentale Pistoia Eventi Culturali, per raccontare la città dalle sue origini fino alle vicende artistiche del Novecento, con un programma espositivo di ampio respiro e un’attenzione particolare all’arte moderna e contemporanea.

Le sedi museali che fanno parte della nuova Fondazione sono l‘Antico Palazzo dei Vescovi (con il percorso archeologico fino al seicentesco Arazzo millefiori, la collezione Bigongiari e le tempere murali di Boldini), Palazzo De’ Rossi (con una collezione dedicata al ‘900), San Salvatore (la chiesa più antica di Pistoia) e Palazzo Buontalenti, nel quale sarà a breve allestita una mostra in due tappe ‘Italia moderna 1945-1975. Dalla ricostruzione alla contestazione‘, a cura di Marco Meneguzzo, con 140 opere, tutte selezionate dalle collezioni di Intesa Sanpaolo.

Un progetto importante e impegnativo per Pistoia che, anche tenuto conto degli effetti positivi registrati dall’elezione di Pistoia nel 2017 a Capitale Italiana della Cultura, si pone l’obiettivo di offrire alla città, ai suoi abitanti e ai visitatori un programma di iniziative culturali e artistiche articolato, affinché Pistoia si affermi sempre di più come meta prediletta dal turismo culturale e possa valorizzare e promuovere il suo patrimonio.

La volontà di costituire un sistema museale si è andata consolidando attorno all’acquisizione dell’Antico Palazzo dei Vescovi, operazione che la Fondazione Caript sta attualmente finalizzando con Intesa Sanpaolo e che prevede la gestione in comodato delle collezioni del Gruppo.

Topics:

I più popolari su intoscana