Salute/

Aumentano i nati pretermine Ma è in calo la mortalità

Nel 2009 in Toscana sono 411 i nati prima della 32ª settimana o sotto i 1.500 grammi. Lunedì 13 dicembre a Palazzo Bastogi gli esperti fanno il punto in un convegno

neonato ostetricia

Nel 2009 in Toscana sono stati 411 i neonati nati gravemente pretermine (sotto le 32 settimane di età gestazionale) o con basso peso alla nascita (sotto i 1.500 grammi). Tra loro, anche neonati piccolissimi, di 23 settimane, e 500 grammi di peso.

Rispetto a un’indagine effettuata nel 2004, c’è stato un aumento di questi nati in Toscana: dal 2004 al 2009, + 27%, e i dati preliminari del 2010 mostrano, almeno per alcuni punti nascita, un ulteriore incremento. E anche se sui dati di un solo anno gli esperti invitano alla cautela, in quanto si tratta di numeri piccoli che potrebbero in parte fluttuare casualmente, rispetto al 2004 la mortalità si è ridotta, passando dal 19% all’11,5%.

Sui nati pretermine in Toscana, neonatologi, ginecologi, pediatri, epidemiologi faranno il punto in un convegno, dal titolo "Dai dati alle scelte: l’archivio regionale dei nati gravemente pretermine, Tin Toscane on-line", organizzato dall’azienda ospedaliero-universitaria Meyer e dall’Ars, l’Agenzia Regionale di Sanità, nella Sala delle feste di Palazzo Bastogi, via Cavour 18, Firenze, per lunedì 13 dicembre, dalle 9.45 alle 13.30.

Tin Toscane on-line ha preso il via il 1° gennaio 2009 e vede la collaborazione di tutti i punti nascita della Toscana, con un impegno particolare delle Tin (Terapie intensive neonatali) delle aziende ospedaliero-universitarie di Careggi, Meyer, Pisa e Siena, che seguono buona parte di questi neonati.

Si affianca all’Archivio dei trasporti neonatali protetti, avviato anch’esso nel 2009
. Entrambi gli archivi sono stati istituiti con delibera regionale e sono coordinati dall’Aou Meyer e dall’Osservatorio di epidemiologia dell’Ars.

«Disporre di dati su tutti i neonati con età gestazionale inferiore a 32 settimane, o peso alla nascita inferiore a 1.500 grammi, che rappresentano una popolazione numericamente piccola (1, 3% dei nati) ma ad elevato rischio di mortalità e morbosità, è importante per il miglioramento delle cure – spiega Franca Rusconi, responsabile dell’Unità di Epidemiologia del Meyer – La nascita gravemente pretermine è infatti responsabile in Toscana di più del 50% della mortalità infantile e di più dell’80% di quella neonatale. Anche una volta dimessi, questi bambini richiedono un grande impegno assistenziale in ospedale e sul territorio».

«L’archivio Tin Toscane on-line – dice l’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia – ci consente di migliorare la qualità delle cure, disponendo di dati sulla loro appropriatezza, confronti tra centri, a livello nazionale e internazionale; di formare un network stabile di neonatologi e personale infermieristico delle neonatologie e delle Tin, per discutere i dati e migliorare le pratiche assistenziali; di disporre di dati sull’organizzazione delle cu re sia prima che dopo la nascita, per migliorare il livello dei nostri servizi». L’80% dei neonati pretermine nasce ed è assistito soprattutto nelle 4 Tin di Careggi, Meyer, Pisa e Siena. Il 14% delle gravidanze sono da procreazione medicalmente assistita, e nel 21% dei casi sono gemellari.

I più popolari su intoscana