Cento scatti dell'Archivio Storico Locchi in mostra a Palazzo Pitti

Dal 10 gennaio al 5 marzo viaggio nella moda a Firenze nell'Andito degli Angioini

Cento rarissimi scatti dagli anni '30 ai '70 del Novecento che raccontano la storia della moda a Firenze attraverso l'obiettivo dei fotografi dell'Archivio Storico Foto Locchi. saranno esposti nella mostra "Fashion in Florence through the lens of Archivio Foto Locchi". Il progetto è nato dalla collaborazione tra uno degli archivi fotografici più importanti di Firenze che conta oltre 5 milioni di immagini, il direttore delle Gallerie degli Uffizi, il Centro di Firenze per la Moda Italiana e il Gruppo Editoriale.

Archivio Storico Foto Locchi
Archivio Storico Foto Locchi


Il percorso espositivo si articola in tre sezioni. Si parte con le botteghe artigiane, con le piccole imprese di alto artigianato costituitosi nel Medioevo e i più famosi brand dell'alta moda italiana nati successivamente. Poi la mostra prosegue con le sfilate e la moda a Firenze: dai primi eventi dopo la seconda guerra mondiale fino alle sfilate nella sala Bianca con le origini della moda moderna, ma anche lo stile che emanava dall'entourage fiorentino e internazionale fiorito intorno al neonato sistema moda. Il percorso espositivo termina con un focus sui personaggi della moda: le Maison fiorentine che hanno dato origine alla storia moderna della moda come Gucci, Salvatore Ferragamo, Emilio Pucci, Stefano Ricci sono raccontate attraverso i loro fondatori e i personaggi che le hanno rese celebri nel mondo. Infine il pioniere delle sfilate a Firenze, Giovan Battista Giorgini e i couturier che lo hanno sostenuto come Emilio Schuberth, Roberto Capucci, le Sorelle Fontana, Jole Veneziani. Ma anche special guest in volo da Parigi come Christian Dior e Elsa Schiaparelli, volti dell’aristocrazia internazionale tra cui spicca il duca di Windsor e osannate star di Hollywood, da Audrey Hepburn a Paulette Goddard, e la divina Callas.

Ha dichiarato Eike Schmidt il Direttore delle Gallerie degli Uffizi: “Oggi, mentre l’inevitabile astrazione dagli oggetti e spazi concreti nel mondo virtuale conduce a una ricerca senza precedenti di capolavori autentici e posti unici, Firenze ha l’opportunità di rivitalizzare il suo ruolo identitario come fulcro dell’industria tessile e dell’abbigliamento, che fondamentalmente risale al Rinascimento”.

Nel 1924 il fotografo paesaggista Tullio Locchi, già apprezzato fotoreporter di guerra e fotografo ufficiale della famiglia reale, decise di fondare il suo studio nel cuore della città: nacque così la Foto Locchi in Piazza Vittorio, attuale Piazza della Repubblica. A seguito della prematura morte di Tullio nel 1926, a soli due anni dalla fondazione, l'attività venne rilevata dalla vedova che creò una società con i più stretti collaboratori del marito: la famiglia Moscato-Corcos. Sarà Silvano Corcos, già presente in azienda alla fine degli anni Venti come direttore al fianco dello zio Umberto, a prendere le redini della società diventandone anima stessa. Negli anni la bottega è divenuta fiorente azienda con oltre 30 dipendenti. Negli anni precedenti l’avvento della televisione le tre grandi vetrine in piazza della Repubblica ebbero il ruolo di vera e propria foto-cronaca dell’epoca. Oggi Erika Ghilardi, discendente diretta della famiglia, cura e gestisce quello che può essere considerato un vero e proprio patrimonio dell’umanità.

Palazzo Pitti, Andito degli Angiolini, Piazza de’ Pitti 1, 50125 Firenze
Dal 10 gennaio al 5 marzo 2017
Da martedì a domenica, ore  8.45-18.50

09/01/2017