Enogastronomia/

Filiera corta nei mega store A Barberino il primo corner d’Italia

Firmata la convenzione tra Comune e Pam-Panorama per la creazione di uno spazio di valorizzazione delle produzioni tipiche di qualità

prodotti tipici

Nasce a Barberino Val d’Elsa la prima isola su scala nazionale di filiera corta ad ampio assortimento accolta in un super store. A formalizzarne l’apertura è un patto ufficiale e inedito stipulato tra il Comune, il negozio di grande distribuzione Pam-Panorama e i produttori locali. E’ stato siglato ieri dall’assessore allo Sviluppo economico Silvano Bandinelli, il direttore regionale Pam-Panorama Renato Mazzucco e il direttore del punto vendita di Barberino Gennaro Reale l’accordo per la gestione condivisa del corner di valorizzazione della filiera corta all’interno della grande struttura di vendita presente sul territorio barberinese.

Uno spazio costituito da oltre 100 prodotti rigorosamente territoriali, olio Igp toscano e vino Chianti Docg, destinati alla degustazione e alla vendita diretta. Trenta le aziende barberinesi che espongono le loro eccellenze a prezzi di mercato. Il corner si propone di offrire al cittadino e al turista un concentrato di prodotti del territorio per favorirne la conoscenza, esaltare l’identità locale attraverso il cibo e favorire il consumo stagionale delle produzioni barberinesi riducendo l’impatto ambientale dei trasporti. L’angolo di filiera corta si configura come uno strumento di promozione e valorizzazione del territorio a tutto tondo: oltre alle scaffalature e al banco utilizzato per gli assaggi e la degustazione, due maxi schermo posizionati nello spazio della filiera e all’ingresso del negozio ed un totem informativo invitano i consumatori ad acquisire informazioni sui prodotti e le aziende che aderiscono all’iniziativa.

“Intendiamo dimostrare – dichiara l’assessore Bandinelli – che attivare sinergie per sviluppare politiche di mercato non solo è possibile ma è necessario. Anche in un periodo di congiuntura economica non favorevole l’amministrazione comunale può svolgere un ruolo centrale nella promozione dei prodotti che nascono come produzioni di nicchia ma che possono rivelarsi quali prodotti di consumo abituali”. A confermare le parole dell’assessore sono i dati emersi dalla fase sperimentale del progetto avviata dallo scorso dicembre. In sei mesi di attività sono stati venduti 25mila pezzi tra bottiglie di vino e olio.

“Il bilancio di questo primo periodo è eccellente – aggiunge Gennaro Reale, direttore del punto vendita – e continua a regalare grandi soddisfazioni: ogni settimana effettuiamo almeno un’ordinazione alle aziende perché riforniscano lo spazio, il corner è animato da una forte stagionalità turistica ma richiama l’attenzione anche dei residenti soprattutto per l’acquisto dell’olio”. L’isola della filiera corta è disponibile tutta la settimana e nel week-end si dota di un operatore che promuove i prodotti offrendo al consumatore l’opportunità di degustare. “E’ un’operazione nella quale crediamo molto – conclude l’assessore Bandinelli – tanto che presto la estenderemo al settore formaggi e salumi, un’opportunità vantaggiosissima per le nostre aziende che possono esporre e promuovere le loro eccellenti produzioni all’interno di una vetrina di qualità, caratterizzata da migliaia di passaggi al giorno, in grado di rispondere alle nuove esigenze del consumatore che tende ad attribuire alla territorialità il parametro di riferimento per il proprio acquisto”.

I più popolari su intoscana