Cultura/

In mostra a Firenze “Cittadini d’Italia”

Dal 1^ ottobre al 20 dicembre presso l’Archivio di Stato

mostra archivio firenze

Dal 1^ ottobre l’Archivio di Stato di Firenze ospita una mostra dal taglio educational accompagnata da incontri e eventi paralleli per illustrare e ripensare i passaggi rituali, i personaggi che favorirono (o che si opposero al) l’unione della Toscana all’Italia. E’ una sorta di laboratorio “partecipato” che invita a riflettere sulla stagione risorgimentale e sulla sua eredità di contenuti e questioni ancora aperte.

La mostra "Cittadini d’Italia. Primi passi della Toscana nello Stato unitario" permette di seguire lo snodarsi del cambiamento istituzionale e dei suoi rituali tra la fuga del granduca e l’adesione della Toscana al nuovo stato d’“Italia”. E in particolare lo sguardo è puntato sullo svolgimento del “plebiscito”, ma i documenti parlano anche degli uomini e delle donne che vissero e operarono il cambiamento.

Nel settore La nobiltà toscana sono proposti i documenti che aiutano a definire le nuove chances, ma anche i rischi che si posero nelle scelte delle traiettorie esistenziali di alcuni personaggi della nobiltà di corte. I carteggi personali ci introducono nei salotti privati, uno degli ambienti in cui prese forma una opinione pubblica “nazionale”. Ma il termine “Risorgimento” allude soprattutto ad un movimento di massa, e in Toscana l’adesione non toccò solo ristretti ambienti di privilegiati, ma anche tanti giovani, che ambivano ad una crescita politica e sociale.

I documenti restituiscono anche immagini di una mobilitazione femminile, di una adesione “virtuale” delle donne al plebiscito, della partecipazione di volontarie garibaldine. Il risorgimento delle donne parla anche di una cittadinanza negata.

Non mancano le testimonianze di quelli che furono i primi passi, contraddittori, dell’Archivio centrale di Stato di Firenze nel nuovocontesto italiano. Nel settore L’archiviazione del passato sono riproposte le tracce delle vicende e dei progetti che animarono l’Istituto e gli uomini che formarono il suo “stato maggiore” negli anni a cavallo dell’ unità italiana. Un campione di francobolli e timbri postali, monete, menu gastronomici illustra la circolazione di immagini e di nuovi sapori attraverso l’Italia unita.

Oltre all’esposizione dei documenti, si organizzano anche incontri aperti ai cittadini, alle famiglie e alle scuole, per approfondire la tematica risorgimentale.

Ecco il calendario degli appuntamenti:
1/10/2011 – Prof. Adriano Prosperi: inaugurazione
14/10/2011 – Prof. Marcello Verga: “Repubblicanesimo fiorentino e Risorgimento"
21/10/2011 – Prof.ssa Fiorenza Ceragioli: "Leopardi e l’Italia"
28/10/2011 – Prof. Cosimo Ceccuti: "I giovani e il Risorgimento"
11/11/2011 – Giornata di studi: «Cittadine magnanime», Donne e Risorgimento in Toscana, in collaborazione l’Archivio per la memoria e la scrittura delle donne
18/11/2011 – Dott.ssa Diana Toccafondi: "La archiviazione del passato: la mancata realizzazione di un archivio nazionale")
25/11/2011 – Prof. Giovanni Cipriani: "La nobiltà toscana di fronte al cambiamento"
2/12/2011 – Prof. Gustavo Zagrebelsky: "Da sudditi a cittadini"
16/12/11 – Prof. Paolo Ponzano: "Verso una nuova cittadinanza, europea", in collaborazione con gli Archivi storici dell’Unione Europea

FIRENZE, Archivio di Stato, V.le Giovine Italia 6
1° ottobre 2011 – 20 dicembre 2011
orario: da lunedì a venerdì 9-13 e 14-18; sabato 9-13

I più popolari su intoscana