Ambiente/

Invasori digitali all’Orto botanico Natura raccontata con gli hashtag

Al Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze il 2 maggio “Invasioni digitali”, manifestazione che valorizza il patrmonio culturale attraverso i nuovi media

orto botanico

Il “Giardino dei Semplici” di Firenze come perfetto set fotografico per le “Invasioni digitali” in programma sabato 2 maggio presso l’Orto botanico di via Micheli. Per il terzo anno consecutivo il Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze aderisce infatti a “Invasioni digitali”, progetto nato per la diffusione e la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale attraverso l’utilizzo di internet e dei social media.

Quattro operatori a disposizione dei visitatori e dei curiosi per guidarli in una visita di trenta minuti che avrà come protagonisti gli alberi monumentali ( i “patriarchi”), tra cui il tasso piantato nella prima metà del 1700 e la sughera di un secolo più giovane. Le bellezze del “Giardino dei Semplici” potranno essere immortalate e condivise con foto e clip usando gli hashtag #giardinodeisemplici e #invasionidigitali. L’ingresso per l’appuntamento di sabato 2 maggio è libero.

Quello di “Invasioni digitali” è un progetto che nasce concezione dalla concezione “aperta e diffusa” del patrimonio culturale. Davanti al radicale cambiamento fondato sulle nuove piattaforme digitali e sociali del web, “Invasioni Digitale” tende ad incoraggiare la conoscenza e la partecipazione a livello educativo e creativo, aumentando e personalizzando l’appeal dell’offerta culturale, scardinandola dai luoghi abituali della fruizione, attivando nuovi meccanismi di interazione e confronto della produzione e fruizione della proposta culturale. Per questi motivi non parliamo più di pubblico dell’offerta culturale ma di partecipanti all’offerta culturale.

Ti potrebbe interessare anche:

Riapre il Parco Romantico della Regina un orto botanico da 50 ettari

A Pisa l’Ateneo “cura” il verde Sicurezza e nuovi spazi green

European Green Leaf Award: Siena in gara per la tutela ambientale

I più popolari su intoscana