Cultura/

La Storia dell’Italia in mostra a Siena

Al Museo Civico, esposizioni di testimonianze dell’epoca risorgimentale

In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, la città di Siena ha organizzato delle interessanti mostre al Museo Civico, durante tutto il 2011, in cui verranno esposte armi, divise, medaglie e monete dell’epoca risorgimentale.
L’esposizione "Le armi risorgimentali delle collezioni del Museo Civico di Siena" presenta una selezione delle armi ottocentesche e risorgimentali facenti parte del Museo Civico, donate nel tempo al Comune di Siena da privati in ricordo di cittadini e congiunti, per commemorarne la partecipazione all’epopea risorgimentale. La collocazione delle armi nella Sala del Risorgimento del Palazzo Comunale consentirà di poter verificare la cogruità filologica con gli esempi dipinti all’interno delle scene sulle pareti, ponendosi in continuità con esse.
La seconda mostra, "La medaglistica celebrativa: eventi e personaggi dai Mille all’Unità" si prefigge, attraverso l’esposizione di una selezione delle medaglie provenienti dalle collezioni del Museo Civico, di fornire una panoramica della medaglistica celebrativa e commemorativa che accompagna l’evento unitario dai prodromi rappresentati dai moti insurrezionalisti del 1848 e dalle Guerre d’Indipendenza, al Risorgimento italiano. Seguendo un criterio filologico saranno proposte le medaglie relative ai grandi personaggi dell’epopea risorgimentale; da Garibaldi, a Mazzini, a Cavour, quelle commemorative delle più importanti battaglie e in fine quelle celebrative del Regno d’Italia. A corollario dell’esposizione sarà infine esposta la medaglia coniata il XVI agosto 1890, in occasione dell’inaugurazione della sala monumentale del Palazzo comunale dedicata a Vittorio Emanuele (attuale Sala del Risorgimento).
"La monetazione dagli stati pre-unitari all’Unità d’Italia" è invece un’esposizione di monete, provenienti dalla collezione numismatica del Museo Civico, una esauriente panoramica del passaggio tra l’ultima monetazione degli Stati pre-unitari, quella del governo provvisorio e quelle unitarie e post-unitarie. Ampio spazio sarà dedicato alle monete di casa Savoia e al caso toscano con la preminenza rivestita in particolare dalle monete della zecca di Firenze, che, dal passaggio dalla monetazione granducale (fino al 1858), a quella del Governo della Toscana (1859) a quella di Vittorio Emanuele, re Eletto (dal 1860), rappresenta emblematicamente il passaggio tra il Granducato e lo Stato unitario.
Infine, un quarto evento propone la presentazione del restauro della divisa garibaldina del Maggiore Luciano Raveggi, donata al Comune di Siena nel febbraio 1932 da Luigi Bordoni, corredata da pannelli didattici contenenti approfondimento biografici sullo stesso Raveggi e sulla sua partecipazione all’impresa dei Mille.

I più popolari su intoscana