Made in Toscana/

Prato Manifattura 5G: le tecnologie 4.0 a servizio del tessile

Parte il progetto promosso dalla Regione e dal Comune per guidare le imprese del territorio sulle applicazioni più innovative dall’Internet of Things alla realtà aumentata

Sperimentare le nuove tecnologie nel distretto manifatturiero tessile e moda: è questo l’obiettivo di Prato Manifattura 5G, il progetto promosso dalla Regione e dal Comune di Prato che è stato lanciato oggi e sarà presentato alle aziende con un evento ad hoc, che si terrà il prossimo 28 novembre presso la Camera di Commercio di Prato.
Esperti nazionali e internazionali presenteranno la tecnologia 5G e le sue innumerevoli applicazioni nell’industria 4.0 come Realtà Aumentata, Big Data, Internet of Things, Smart Products, Automazione e Intelligenza Artificiale.

La conferenza servirà a presentare il primo modulo informativo organizzato dal PIN – Polo Universitario Città di Prato, in cui saranno coinvolte le imprese del tessile e della moda: 4 incontri di 3 ore ciascuno in cui si alterneranno due approcci disciplinari relativi alle tecnologie 5G e alle applicazioni nel settore Industry 4.0.
L’obiettivo sarà quello di colmare la carenza di competenze delle piccole e medie imprese pratesi, guidandole e supportandole nel cogliere le opportunità offerte dalle reti di quinta generazione, e concorrendo alla progettazione di interventi ad alto valore aggiunto.

“La Regione punta sull’innovazione e sull’utilità che questa può avere per tutte le imprese del nostro territorio – spiega  l’assessore alle attività produttive della Toscana, Stefano Ciuoffo –  per questo mettiamo a disposizione 78mila euro per questa attività di divulgazione e coinvolgimento del distretto pratese. Innovare non è una opzione: in una sfida globale come quella di oggi è una scelta obbligata e noi vogliamo supportare le nostre aziende a orientarsi in questo senso. Sbaglia il Governo a tagliare fondi e incentivi su questo perché la discontinuità è la cosa peggiore quando si parla di politiche industriali. Noi invece ci crediamo e andiamo avanti coinvolgendo il Comune, il mondo della ricerca e quello produttivo mettendo sul campo risorse, competenze e tutti gli strumenti a nostra disposizione”.

“La sperimentazione del 5G è un’opportunità per rendere un settore maturo come il tessile più innovativo e competitivo a livello globale – aggiunge il sindaco di Prato Matteo Biffoni – dopo l’uragano della crisi è fondamentale dare alle imprese del territorio e alle associazioni di categoria tutto il supporto possibile per fare un salto avanti notevole. Il Governo non può tirare il freno a mano su un modello di innovazione importante che permette ai distretti e alle imprese di crescere e portare i frutti della sperimentazione a livello nazionale”.

I più popolari su intoscana