Firenze, nasce il Museo della Moda: al via con la mostra di Lagerfeld

Grazie alla convenzione tra la Galleria degli Uffizi e Pitti Immagine si avvia un programma di tre anni dedicato alla moda contemporanea

Nasce a Firenze il Museo della Moda e del Costume, grazie alla convenzione siglata nei giorni scorsi tra la direzione delle Gallerie degli Uffizi e Pitti Immagine Discovery, la fondazione costituita da Pitti Immagine e Centro di Firenze per la moda italiana, con l'obiettivo di avviare un programma triennale di appuntamenti dedicati alla moda contemporanea.

La stagione si aprirà ufficialmente con la mostra fotografica di Karl Lagerfeld, che sarà inaugurata il 14 giugno durante Pitti Uomo e resterà aperta fino al 23 ottobre. L'esposizione "Vision of Fashion" in un percorso che si snoda dalla Galleria Palatina alla Sala Bianca mostrerà 200 scatti e servizi di moda firmati da Lagerfeld (c'è anche un autoritratto). 

Insomma è un rilancio che includerà un'intensa serie di attività legate alla moda. "La partnership progettuale e produttiva che si crea in questo modo con istituzioni italiane di enorme prestigio - ha detto Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi - ci consentirà di offrire mostre insolite e di grande impatto per la città: infatti lavoreremo insieme per trasformare la Galleria del Costume in un vero e proprio Museo della Moda". Il direttore annuncia anche "acquisti futuri", senza svelare però i dettagli su cui si sta focalizzando la ricerca, e una seri di interventi per migliorare le infrastrutture. "Abbiamo ottimi depositi con ottimi capi della moda e accessori - ha continuato Schmidt - ma abbiamo bisogno di più spazi. Il progetto è quello di aggiungere più spazi alla Galleria del Costume e al Museo della Moda. Anche dal punto di vista della tutela ci sarà un grande miglioramento".

E cambierà anche il nome del museo. "Sarei orientato a cambiare ufficialmente il nome da Galleria del Costume a Museo della Moda e del Costume insieme con il nuovo allestimento e una bella inaugurazione", ha spiegato Schmidt. 

03/06/2016