Dal glicine alle camelie, a Villa Reale di Marlia ecco il percorso olfattivo

Sarà inaugurato il prossimo 1 marzo: una mappa olfattiva che segue l'itinerario di 16 ettari della villa appartenuta a Elisa Bonaparte

Il profumo della mimosa in fiore a primavera ma anche quello delle camelie o del glicine, a aprile. Sarà un vero e proprio itinerario olfattivo quello che sarà possibile seguire - dal 1 marzo - a Villa Reale di Marlia, a Capannori, una full immersion negli oltre 16 ettari di parco, con fiori e piante secolari, appartenuto ad Elisa Bonaparte. 

Una 'mappa olfattiva' - curata dall'architetto Beatrice Speranza -  che può essere seguita per entrare, attraverso il naso oltre che gli occhi e il tatto, in contatto diretto con la storia. "È stato proprio dalla villa Reale di Marlia - ha spiegato Simonetta Giurlani Pardini - che si sono diffuse nei giardini lucchesi nuove specie come le mimose, le magnolie, i glicini. Anche il geranio, già noto ma fino ad allora relegato negli orti botanici, diventò uno dei protagonisti non solo dei giardini ma anche dei salotti lucchesi".

Villa Reale Marlia - Lucca

Ogni stagione vedrà la fioritura di una diversa pianta: in estate - per esempio - protagonista sarà l'ibisco, mentre in autunno i visitatori potranno lasciarsi catturare dal fascino senza tempo del foliage.

"Ci fa enorme piacere che una delle ville più prestigiose del territorio si arricchisca di un percorso che sarà un'ulteriore occasione per visitare il bellissimo parco - spiegano dal Comune di Capannori -. Un'opportunità che accresce l'appetibilità del nostro comune e contribuisce a portare nuovi visitatori". 

 

15/02/2018