A Firenze arrivano 50 pietre d'inciampo per ricordare i deportati

Saranno posizionate a gennaio del 2020 davanti alle case delle vittime del nazifascismo che furuno deportate nei lager

Un piccolo sampietrino e una lastra di ottone per ricordare chi, durante il periodo nazifascista, fu deportato nei campi di concentramento senza fare ritorno: è il progetto 'Pietre d'inciampo' promosso dalla Comunità ebraica di Firenze e approvato dal Comune.

La posa della prima pietra, in totale saranno 50, è in programma per il gennaio 2020 in occasione delle celebrazioni per il giorno della Memoria. Le pietre d'inciampo saranno posizionate sul marciapiede di fronte alle abitazioni dei deportati e riporteranno i dati personali delle vittime. Nate a metà degli anni '90, ad oggi si contano oltre 60mila pietre d'inciampo in molti Paesi europei e città italiane.

"Da anni - ha detto Daniela Misul, presidente della comunità ebraica di Firenze - stavamo studiando come intervenire anche a Firenze per questo importante riconoscimento, finalmente ce l'abbiamo fatta e per noi è una grande soddisfazione". Le pietre, ha aggiunto, "saranno momentaneamente 50, ma purtroppo i deportati da Firenze che non fecero ritorno furono più di 300, intanto inizieremo con queste e poi vedremo". "Le pietre d'inciampo - ha spiegato Ugo Caffaz, uno dei promotori dell'iniziativa - sono una testimonianza chiara e netta, ci sono nomi di uomini, donne e bambini deportati e morti ad Auschwitz".

18/04/2019