Internet veloce nei piccoli borghi: Buonconvento è il primo a partire

Il comune senese è uno dei primi in Toscana dove sono stati completati i lavori per portare la fibra ottica: venerdì 11 ottobre saranno presentati i risultati in un evento con la cittadinanza

Navigare su Internet a mille megabit al secondo anche nei paesi e territori più isolati della Toscana. Come a Buonconvento ad esempio, dove navigare veloci in Rete è da qualche giorno realtà. Il comune senese, che figura nell'elenco dei borghi più belli d'Italia, è infatti uno dei primi dove i lavori per portare la fibra ottica fino alla soglia di casa, come nelle grandi città, sono stati completati ed è già iniziata la commercializzazione dei servizi.

A Buonconvento, preso a simbolo e con il paese riunito, è stato organizzato per venerdì 11 ottobre alle ore 12 nella sala delle colonne del Palazzo Comunale un evento a cui parteciperà l'assessore alla presidenza e all'innovazione della Toscana, Vittorio Bugli. Interverranno, con il sindaco Riccardo Conti, anche alcuni cittadini, imprenditori e liberi professionisti a cui l'arrivo della fibra ottica cambia la vita e il lavoro. Si farà il punto sui cantieri – aperti, da avviare o già chiusi - in tutta la Toscana.

Buonconvento

L'intervento della Regione, tra cui figura anche quello di Buonconvento, riguarda le aree bianche, ovvero i territori dove i gestori, per la presenza di troppi pochi abitanti od attività economiche, hanno deciso di non investire per portare la fibra ottica. L'ha fatto al loro posto la Regione Toscana, con risorse europee. Open Fiber si è aggiudicata il bando. In Toscana sono 268 i comuni interessati: praticamente tutti, anche i più grandi, anche se solo magari per qualche borgo o gruppo di case sparse. La rete stesa rimarrà di proprietà pubblica e sarà affidata in concessione per venti anni a Open Fiber, che offrirà l'accesso a tutti gli operatori interessati, visto che la società opera nel solo mercato all'ingrosso. Cittadini e imprese dovranno dunque contattare i gestori presenti sul loro territorio per attivare la linea.

08/10/2019