Le opere del Verrocchio dal Bargello e da Palazzo Vecchio volano in USA

Da Firenze all’America approdano alla National Gallery of Art di Washington D.C i grandi capolavori dell'artista simbolo del Rinascimento e maestro di Leonardo da Vinci

Dopo il successo della grande mostra Verrocchio, il maestro di Leonardo, che ha portato a Palazzo Strozzi oltre 140.000 persone dal 9 marzo al 14 luglio 2019, la National Gallery of Art di Washington DC apre al pubblico dal 15 settembre 2019 l’esposizione Verrocchio: Sculptor and Painter of Renaissance Florence, realizzata in collaborazione con la Fondazione Palazzo Strozzi e i Musei del Bargello e a cura di Andrew Butterfield.

Attraverso cinquanta tra dipinti, sculture e disegni, che costituiscono una selezione delle oltre 120 opere della mostra fiorentina, l’esposizione americana offre al proprio pubblico l’occasione di conoscere la produzione artistica di Verrocchio come artista simbolo del Rinascimento e maestro di artisti come Leonardo da Vinci, Botticelli e Perugino per i quali la sua bottega fu luogo di intensa sperimentazione e condivisione. Tra gli eccezionali prestiti da Firenze a Washington spiccano grandi opere del Museo Nazionale del Bargello come il David, uno dei simboli assoluti dell’arte del Rinascimento e della città di Firenze stessa, la celebre Dama dal mazzolino e in prestito dal Museo di Palazzo Vecchio, la scultura bronzea del Putto col delfino opera capitale e modello di naturalezza, quest’anno restaurata con il sostegno di Friends of Florence.

“Realizzare la prima rassegna su Andrea del Verrocchio, è stata un’impresa unica e ambiziosa, resa possibile grazie alla collaborazione con i Musei del Bargello e alla rete di relazioni con musei e collezioni di tutto mondo” – ha dichiarato Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi – “La mostra della National Gallery di Washington dimostra la capacità di Palazzo Strozzi di creare sinergie a livello internazionale in grado realizzare mostre ed eventi culturali unici e irripetibili per il grande pubblico, la critica e la comunità scientifica”.

“Siamo orgogliosi “– ha dichiarato Tommaso Sacchi assessore alla cultura del Comune di Firenze – “che il Putto con delfino di Andrea del Verrocchio, una delle più note icone di Palazzo Vecchio fin da quando Cosimo I de’ Medici lo fece porre sulla fontana al centro del cortile di Michelozzo, ‘voli’ negli Stati Uniti in una delle sue rarissime esposizioni fuori dalla sua sede storica. È un segno tangibile della volontà di voler aprire i tesori civici alla collaborazione con altri enti e istituzioni in contesti di grande rilievo, nell’ambito dei rapporti di cooperazione internazionale del Comune. A conclusione della mostra, attendiamo il Putto di nuovo a Palazzo Vecchio dove tornerà nella sua collocazione odierna, il Terrazzo di Giunone da poco restaurato proprio per accogliere l’opera”.

10/09/2019