Cultura/

Il film “Europa”, del regista fiorentino Haider Rashid, in concorso alla Quinzaine des Réalisateur a Cannes 74

Come nei suoi precendenti film, Haider Rashid racconta la drammatica storia di chi migra e lotta per la sopravvivenza. Il protagonista è Kamal, giovane iracheno che tenta di entrare in Europa attraverso la cosiddetta “rotta balcanica”

Film Europa - © Foto Ufficio stampa del film

Haider Rashid, un regista e produttore fiorentino, con la cultura irachena nel cuore

E’ nato e cresciuto a Firenze il giovane regista e produttore Haider Rashid, classe 1985, che ha già al suo attivo lungometraggi e documentari premiati e apprezzati dalla critica, oltre ad aver fondato la casa di produzione Radical Plans, che sede in via Panciatichi, nella periferia ovest fiorentina. Il padre, Erfan Rashid, è un giornalista e regista iracheno, attivo da molti anni a Firenze, che ha trasmesso al figlio gli echi e il forte legame con la cultura irachena. Forse è proprio per questo che Haider Rashid ha una particolare attenzione e sensibilità verso di chi porta in Italia la cultura di un altro paese, per chi migra, per chi è costretto a spostarsi e a lasciarsi alle spalle le proprie origini.

La filmografia di Haider Rashid: storie di una società globale, in movimento

Inizia proprio con il racconto di un emigrato iracheno, la filmografia di Haider Rashid. Il protagonista del suo primo film, Tangled Up in Blue. Amore e guerra a Bahdad, del 2009, è infatti  il figlio di un famoso scrittore iracheno che vive a Londra e che deve affrontare il dolore per la morte del padre, ucciso a Baghdad, insieme ai sentimenti di straniamento e alienazione nel suo nuovo paese. Dopo il documentario musicale, Silence: All Roads Lead to Music (2011), Rashid dirige un film molto apprezzato, Sta per piovere (2013). Qui si racconta di un giovane nato e cresciuto in Italia da genitori algerini, che si scontrerà, in Italia, con il labirinto della burocrazia, un vero e proprio “muro di gomma”, che gli impedirà di rinnovare il suo permesso di soggiorno. Dopo un altro “intermezzo musicale”, con la realizzazione del documentario Street Opera. Il mondo dell’hip hop italiano, del 2015, è la volta di un film particolare e originale, No Borders, del 2016, che utilizza la Virtual Reality per raccontare le storie di chi vive ai margini nella nostra società – per la maggior parte migranti – e si rivolge al centro di accoglienza Boabab di Roma. Il film è interpretato da un attore molto sensibile ai temi sociali, Elio Germano.

Con il film “Europa”, Haider Rashid sbarca sulla Croisette

Ed è notizia di questi giorni che il nuovo film di Haider Rashid, Europa, è stato selezionato nella sezione competitiva, Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 74, che si svolerà dal 6 al 17 luglio prossimi. Già quando era nella fase di post-produzione (quindi ancora non ultimato), nel 2019, il film Europa aveva ricevuto il Premio Proxima alla Milano Film Network, ed era stato inoltre premiato al Cairo Film Connection, il mercato di co-produzione del Cairo International Film Festival. In quell’occasione Haider Rashid aveva dichiarato alla stampa “Europa è un film che mira a creare un’esperienza intensa per il pubblico. È un film che non cerca compromessi ma mira piuttosto a trovare una reazione emotiva, immergendo il pubblico in una storia apparentemente lontana ma molto vicina a tutti noi. È un film il cui obiettivo finale è provocare una reazione viscerale in grado di creare dibattito, rabbia ed empatia“.

Nella pellicola si racconta di Kamal, un giovane iracheno che sta cercando di entrare in Europa a piedi, attraverso la frontiera tra Turchia e Bulgaria, attraverso quella che viene definita la “rotta balcanica”. Ma il sogno di Kamal si infrange quando viene fermato dalla polizia di frontiera bulgara. Riuscito a fuggire, il protagonista cercherà una via di fuga nella fitta e impenetrabile foresta delle montagne della Bulgaria, un luogo impervio dove non ci sono regole e dove spadroneggiano i mercanti di migranti. Un viaggio per la sopravvivenza in cui Kamal lotterà strenuamente per la libertà e la vita.
Nel cast del film ci sono gli attori Adam Ali, Svetlana Yancheva, Pietro Ciciriello, Gassid Mohammed, Mohamed Zouaoui, e il padre del regista, Erfan Rashid. Il film Europa è una coproduzione Italia-Iraq-Usa, prodotta da Radical Plans, scritta e diretta da Haider Rashid e Sonia Giannetto, con i produttori esecutivi Stefano Mutolo (Berta Film), Abdullah Boushahri (Beyond Dreams, USA) e Michele Saragoni e Ivano Fucci (Odu Movies, casa di produzione lucchese) e il produttore associato Fair Play. Il film ha ricevuto finanziamenti dal fondo nazionale italiano MIBACT ed è sostenuto da Toscana Film Commission nell’ambito del programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema e dal Baghdad Film Fund.

I più popolari su intoscana