Innovazione/

Livorno investe su giovani start up e digitale: bando da 200 mila euro a settembre

L’assessore comunale allo sviluppo economico Simoncini:  “Prosegue l’azione di sostegno economico all’innovazione digitale del nostro sistema di impresa”.  La giunta ha varato le linee di indirizzo per il bando: previste premialità sia per le imprese giovanili sia per interventi che favoriscano l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate

imprese digitali

Livorno punta sull’innovazione digitale del sistema di impresa e mette sul piatto 200 mila euro, con un bando che sarà pubblicato a settembre, rivolto a micro e piccole imprese, liberi professionisti con partita iva e giovani start up.

Intanto il comune nell’ultima seduta di Giunta ha già  approvato gli indirizzi per l’adozione del bando che prevedrà un contributo a fondo perduto. Questo potrà arrivare  a coprire fino al 60% delle spese ammissibili, incrementabile al 70% in caso del riconoscimento di premialità e comunque fino a un importo massimo di 10 mila euro.

Sostegno allo sviluppo innovativo delle imprese

Gli interventi ammessi a contributo dovranno essere caratterizzati da un significativo contenuto tecnologico, innovativo e digitale e riguardare investimenti realizzati e localizzati nel territorio del Comune di Livorno.

Il bando – spiegano dal comune  – resterà aperto fino ad esaurimento risorse e comunque entro e non oltre il 9 dicembre 2021, con facoltà di finanziamento di eventuali domande inserite in lista d’attesa.

“Con questo nuovo provvedimento l’Amministrazione Comunale prosegue  l’azione di sostegno economico all’innovazione digitale del nostro sistema di impresa – sottolinea l’assessore al Lavoro e allo Sviluppo Economico Gianfranco Simoncini che ha proposto la delibera in Giunta – fondamentale per affrontare le sfide dell’oggi. Nel corso degli ultimi due anni e con questo nuovo bando, siamo riusciti a mettere a disposizione di imprese e professionisti circa 2milioni di euro per l’innovazione”.

Premialità per le imprese giovanili

Nel bando è inoltre previsto il riconoscimento di premialità sia per le imprese giovanili sia per quegli interventi innovativi che favoriscano l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate.  “Una decisione – ha preoseguito Simonciniche rappresenta un incoraggiamento che  intendiamo dare verso il coraggio di giovani che si mettono alla prova nel fare impresa e verso l’esigenza di favorire l’accesso al lavoro dei soggetti più deboli”.

Intanto il comune di Livorno giò dallo scorso giugno ha aperto due sportelli: l‘InfoPoint finanziamenti e politiche europee, attivato con il supporto di Provincia Livorno Sviluppo, e lo sportello della rete EuroDesk a supporto dei giovani.

I più popolari su intoscana