Il drone toscano pronto al trasporto di tamponi, sangue e farmaci

Il drone sviluppato dall'azienda AbZero, spinoff dell'Istituto di BioRobotica della Scuola Sant'Anna di Pisa pronto ad entrare in funzione anche per trasportare i tamponi. Innovazione utile in questo periodo di emergenza da Corona Virus

Pur essendo ancora in fase sperimentale il drone di AbZero, azienda spinoff dell'Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa è pronto a volare non solo per il trasporto di sangue, organi e farmaci ma anche per i tamponi.

A confermarlo è il co-fondatore dell'azienda (insieme ad Andrea Cannas) Giuseppe Tortora. 'Il sistema - spiega - è costituito da un drone e una smart capsule, o scatola intelligente, capace di mantenere la temperatura del materiale che trasporta, attraverso degli stabilizzatori contenenti del liquido".

"La capsula capisce cosa ha a bordo attraverso le indicazioni che l'utente le ha dato tramite un'app. Così può adeguare i parametri e al tempo stesso mantenerne la qualità. Una volta attivata, la scatola sa gestire la rotta del drone volante", prosegue Tortora. Sempre attraverso l'app viene poi identificato l'ospedale di partenza e quello di arrivo, anche se l'idea dei ricercatori è di usarlo in situazioni di emergenza come questa, e poter raggiungere anche le zone più remote, senza necessità dell'intervento umano.

"Il volo può essere attivato in autonomia dal personale in loco, che sia la protezione civile o la polizia - prosegue - senza saper volare con il drone. Sarà infatti la scatola intelligente a restringere l'uso del drone su delle tratte predeterminate e autorizzate in partenza. Quindi si sa già dove la macchina andrà a volare"

Una volta fatta la consegna, chi la riceve può procedere allo scarico e rimandarlo indietro. Ad oggi l'azienda ha realizzato due droni e una scatola intelligente ma si dichiara pronta a realizzare nell'arco di un mese altre 10 macchine funzionanti, nel caso in cui potessero arrivare finanziamenti dedicati a questa operazione.

 

11/03/2020