Enogastronomia/

Prodotti DOP e IGP: Toscana 5° regione per impatto economico

Sono stati presentati a Roma i dati del XVII Rapporto Ismea-Qualivita relativi all’indotto del settore Food e Wine. Grosseto e Siena le province toscane più “ricche” rispettivamente per l’agroalimentare e per il vino

XVII Rapporto Ismea-Qualivita: quanto valgono i prodotti DOP e IGP

16,2 miliardi di euro. Ecco a quanto ammonta la #DopEconomy italiana, ovvero l’indotto economico del settore Food e Wine DOP e IGP. In un anno, infatti, le oltre 800 Indicazioni Geografiche hanno generato un aumento del 6% del valore, con l’export che oltrepassa la soglia dei 9 miliardi di euro (+2,5%) e con circa 180.000 operatori e 285 Consorzi di tutela riconosciuti. Sono questi alcuni numeri certificati dal XVII Rapporto Ismea-Qualivita, presentato a Roma lo scorso 4 marzo. Il peso dell’economia agricola, negli ultimi dieci anni, presenta un andamento in continua crescita e contribuisce a determinare il 20% del fatturato complessivo del settore a livello nazionale. In particolare, le performance del vino segnano un +7,9%, mentre l’agroalimentare un +3,8%.

Rapporto Ismea Qualivita - Dati generali

Nella classifica generale, la Toscana si aggiudica il quinto posto tra le regioni italiane per impatto economico dei prodotti DOP, IGP e STG, passando da 130 a 144 milioni di euro, dal 2017 al 2018, per il settore Food e da 969 a 961 milioni di euro per il settore Wine. Complessivamente, il valore al 2018 ammonta a 1.106 milioni di euro, che equivale a un +0,7% rispetto all’anno precedente.

Treviso, Parma e Verona guidano invece la classifica provinciale con valori superiori al miliardo di euro. Nel Food si affermano le città dell’Emilia-Romagna e della Lombardia (ma nella top ten anche Udine, Caserta e Bolzano). Nel Vino trainano Treviso e Verona (in crescita) cui seguono Cuneo e Siena (in calo). In Toscana, le province più “ricche” del settore Food sono Grosseto, Siena e Firenze; mentre sul podio del settore Wine salgono Siena, Firenze e Arezzo.

Rapporto Ismea Qualivita - Panoramica Toscana

Tra i prodotti DOP e IGP toscani più amati e comprati troviamo il Prosciutto Toscano DOP, l’Olio extravergine Toscano IGP, il Pane Toscano DOP, lo Zafferano di San Gimignano DOP, il Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP, l’Agnello del Centro Italia IGP e la Cinta Senese DOP. Tra i vini, spiccano il Chianti DOP, il Chianti Classico DOP e il Toscano IGP.

Per quanto riguarda l’export dei prodotti italiani, il comparto Food IG raggiunge i 3,6 miliardi di euro per un +1,2% su base annua con le esportazioni agroalimentari DOP IGP che dal 2008 hanno registrato ogni anno una crescita in valore (+218% in totale). Un terzo delle esportazioni in valore è verso Paesi Extra UE (33%), mentre i mercati principali si confermano Germania (20%), USA (18%) e Francia (15%). Segue questo trend anche il vino il cui export nel 2018 rag­giunge 5,4 miliardi di euro (+3,5%) su un totale di 6,2 miliardi del vino italiano nel suo complesso.

I più popolari su intoscana